A BREVE APRIRA’ LA PRIMA FABBRICA DELLE PIN UP D’ITALIA

foglio.jpg

Bocche rosse, sguardi sensuali e vibrazioni Burlesque. Sono le Pin Up di oggi. Le ragazze che adorano gli anni ’40 e ’50 e che desiderano avvicinarsi all’arte del Burlesque. Ma anche donne che vogliono ritrovare la femminilità perduta e girl formose che ricordano le Dive di un tempo. A loro ed a tutte le donne è dedicato il rivoluzionario Show Room multimediale chiamato Pin Up del 2000 e ribattezzato la “Pin Up Factory”.

 Il primo in Italia e sulla scia di quelli americani. Nasce ad Ancona, nelle Marche, la vera e propria “fabbrica” delle Pin Up e delle Burlesquer, ideata e fortemente voluta da Simona Sessa, giornalista, imprenditrice e blogger, nota per aver riportato in Italia il Pin Up style.

L’eclettica Simona ha pensato di creare uno Shop polivalente dove saranno forniti una serie di servizi e prodotti per tutte le donne desiderose di sedurre e sentirsi più sexy.

E’ un vero e proprio centro della bellezza e della seduzione dove molte ragazze e donne saranno trasformate in Pin Up e dove le Burlesquer esordienti potranno imparare l’arte del Burlesque oltre ad avere lo studio del personaggio personalizzato.

Scuola di seduzione 1.jpg

Una struttura dove avrà anche sede l’agenzia di Pin Up e Burlesquer di Simona Sessa, la Scuola di seduzione e Burlesque ( con servizio di trucco e parrucco d’epoca), uno studio fotografico per foto anni ’20-’30-’40-’50. Ma non finisce qui: anche uno Show Room anni ’50 con abbigliamento, lingerie ed accessori anni ’40-’50. Corsetti, cappellini, abiti per le pin Up di oggi, reggicalze, calze, scarpe ed accessori retrò.

 

Una novità assoluta per l’Italia. Pin Up del 2000 sarà tutto questo. Inoltre in programma mostre fotografiche e presentazioni di eventi, organizzati dall’associazione culturale Pin Up del 2000 di Simona Sessa che combatte anoressia e bulimia con il suo omonimo progetto sociale. Andranno in scena  eventi culturali dove l’argomento donna è sempre il protagonista.

Tra gli argomenti più scottanti: l’anoressia, la bulimia, la rivalutazione della donna in carne e tutti i temi legato all’universo femminile. Saranno organizzati incontri, letture di libri e mostre dedicate alla Pin Up.

Tra i tanti appuntamenti in cartellone: sfilate di lingerie ed abbigliamento  per  ricreare l’atmosfera degli show room degli anni ’50, caldi e accoglienti punti di aggregazione femminile.

Nuove idee, nuovi prodotti e tutto quanto ruota al mondo del dress e intimo femminile sarà al centro dell’interesse del negozio Pin Up del 2000. Finalmente un luogo delle donne e per le donne.

Un meeting point dove donne e ragazze di qualsiasi età potranno ritrovare la loro femminilità perduta e tornare ad essere sexy e seducenti.

Lo spazio esterno dello Show Room, consentirà a breve di sfogliare i numerosi cataloghi  seduti in gradevoli tavolini o semplicemente riposarsi durante lo shopping.

 

La politica ed il concept

 

Il filo conduttore e della politica di Pin Up del 2000 è basato sul progetto culturale della giornalista Simona Sessa ovvero di rivalutazione della donna formosa. Su tale progetto è basato l’operare dell’associazione culturale Pin Up del 2000 creata sempre da Simona che da anni si batte per la riaffermazione di un modello di bellezza formosa, tipica della donna mediterranea che si contrappone a tutti i diktat moderni della moda e dello Show System.

La sua è una battaglia iniziata qualche anni fa per aiutare e sostenere le ragazze e le donne ossessionate dal peso e dalla magrezza come identificazione di bellezza nella società odierna.

Il messaggio che la Sessa sta lanciando è: “Morbida e rotonda: così è la donna di oggi”.

Uno slogan per sottolineare il concetto che la donna di oggi è formosa e morbida. Una immagine sana e felice che si contrappone a quella della donna “grissino” veicolata dalla moda e dalla tv.

La rivalutazione della donna Pin Up è quindi una tappa obbligata per dimostrare come seducevano ed ammaliavano le donne degli anni ’40-’50 che mostravano con orgoglio pancetta, glutei torniti e seni abbondanti. E facevano impazzire gli uomini.

Le Pin Up sottolineavano con dovizia di particolari le curve con una lingerie sofisticata e curatissima che le rendeva vere e proprie bambole della sensualità. Erano vere donne, femmine al 100%.

Oggi il concetto della vera femminilità è evaporato: poche le donne che si curano ed esaltano la loro sensualità. Bisogna perciò tornare alla cura maniacale della persona: iniziare dalla lingerie ad ed a un modello più in carne, più sano e genuino.

associaz.gif

Ecco che lo Show room  Pin Up del 2000

sarà un negozio per le donne e dedicato alle donne che si ripropone di avvicinarle ai temi più scottanti dell’universo femminile indicando loro la strada della seduzione.

 

 L’arredamento

 

Anche il design e l’estetica del negozio saranno originalissimi: retrò e molto glamour.

Si ispirerà ai negozi tipici degli anni ’50 con arredamento in pieno stile Pin Up e Burlesque. Quadri ed immagini ispirate alle Pin Up di ieri e di oggi. Tutto sarà studiato nei minimi particolari.

La musica in sottofondo sarà quella degli anni ’50 e continuerà a creare quell’atmosfera intima e tipicamente femminile.

marchio2.jpg

All’interno del Pin Up store in esclusiva nazionale saranno venduti i prodotti a marchio Femmina Pin Up di Simona Sessa ed altri brand mondiali. Lingerie, abbigliamento, cosmetici, bijoux e tanti prodotti per esaltare corpi formosi.

 Il “format” del negozio Pin Up del 2000 è unico nel suo genere e pensato da Simona Sessa per creare il nuovo trend ispirato alla donna Pin Up.

A breve sarà rivelata la sede dello Show Room Pin Up del 2000 e la data di inaugurazione.

Pin Up del 2000: la fabbrica delle Pin Up e delle vere femmine!

 

Per info: pinupdel2000@alice.it

               Cell 333 7499566 (dalle 15 in poi)

              www.pinupdel2000foto.com

 

agenzia8.jpg
A BREVE APRIRA’ LA PRIMA FABBRICA DELLE PIN UP D’ITALIAultima modifica: 2011-04-23T18:17:17+00:00da simona_sessa
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento