Bette Cooper come la brava Bettie Davis

Immagine2-164.gif

Bette è immersa in una dimensione legata al 1938, anno in cui Bette Davis si fece modellare un vistoso abito di colore rosso, stretto in vita e molto scollato, che la rese quanto mai seducente (in occasione per una parte da testarda donna del Sud nel sontuoso film in costume Figlia del vento (Jezebel).

Il film era diretto da William Wyler. Nelle foto Bette indossa un vestito simile il quale mi fa assomigliare ancor di più all’attrice.

Immagine2-186.gif

Come nelle sue interpretazioni Bette Cooper riesce ad essere versatile una perfida donna, un’aristocratica, una donna prima bruttina ed insicura e poi bella e disinvolta. Bette, splendida ragazza, sensuale e affascinante, ha quell’alone di mistero che aveva caratterizzato le “dive” degli anni trenta.

Immagine2-165.gif

Tipica bellezze americana con gambe lunghe e seno prorompente. lei è prosperosa ed attraente dallo sguardo sereno, quasi fanciullesco tipico delle pin up.


 

Immagine2-249.gif

Immagine2-254.gif


MODELLE MANGIANO FAZZOLETTI E BATUFFOLI PER NON INGRASSARE

Ormai siamo arrivati all’inverosimile…Leggete questo articolo. E’ raccapricciante vedere cosa si inventano le modelle per restare SCHELETRI !!!


Da Di lei attualità

832.jpg


Gambe e braccia che sembrano stecchini, visi scarni, pancia ultrapiatta o meglio ancora scavata, costole a vista: c’è solo un modo per raggiungere questi folli canoni di bellezza (se bellezza la si può definire). E cioè affamarsi, arrivando a nutrirsi di fazzoletti e batuffoli di cotone imbevuti nel succo di frutta per ingannare il corpo e far finta di essere sazie.

Lo racconta Kristie Clements, ex direttrice di Vogue Australia per 13 anni, nel suo nuovo libro denuncia intitolato The Vogue Facts.

La conferma di queste angherie arriva da una modella che ha vissuto queste cose sulla sua pelle. Il suo nome è Amy Lemons. Una collega russa che divideva l’appartamento con lei, per restare magra evitava i cibi solidi. È finita in ospedale.


Ecco tutto l’articolo:

http://www.dilei.it/attualita/modelle-mangiano-fazzoletti-per-non-ingrassare.html

559.jpg



BUONA LETTURA!!


Modelle mangiano fazzoletti per non ingrassare

Lo racconta Kristie Clements, ex direttrice di Vogue Australia per 13 anni, nel suo nuovo libro denuncia intitolato The Vogue Facts.

“Non è un libro-vendetta, non l’ho scritto per amarezza. Il tono del libro parla di quello che succede nel settore della moda”, ha sottolineato l’autrice in un’intervista alla CNN. Licenziata da Vogue senza alcun preavviso, è stata sostituita da Edwina McCann, prima direttrice di Harper Bazaar.

Una modella russa è finita in ospedale perché non mangiava più cibi solidi.

La fit model è un esempio da seguire per le colleghe. Il corpo delle fit model è usato da stilisti e atelier per modellare gli abiti. Un manichino in carne e ossa, insomma.


IO, DONNA PASSIONALE&ROMANTICA

544190_10200425422229510_2079526807_n.jpg


Io Pin Up del 2000

 

Sono una donna felicemente donna e femmina. In me il concetto di femminilità e di seduzione coincidono totalmente  donandomi una sicurezza ed una padronanza dell’arte della seduzione maturata in anni di studi ed esperienza sul campo. Io so esattamente cosa c’è nella testa dell’uomo e quali desideri la attraversino, conosco alla perfezione il modo in cui l’uomo desidera una donna nell’arte della conquista. Ecco perché insegno alle donne come si seduce, come si conquista o si riconquista un uomo. Esaltare tutti gli aspetti della femminilità e amplificarmi alla millesima potenza per colpire un uomo. La mia conoscenza dell’arte della seduzione mi pone come una delle maggiori esperte in Italia di questa meravigliosa arte non ancora del tutto esplorata.

Sono quindi da una parte una femmina molto passionale, capricciosa, sicura  e volitiva ma dall’altra donna dolce e romantica proprio come le donne degli anni ’40-’50. Mi sento quindi una donna di altri tempi in un periodo storico che non mi appartiene e non mi apparterrà mai…

163587_10200425423189534_1827095180_n.jpg


Soffro a vedere come si è ridotta la donna oggi: spogliarsi per vivere, perdere la dignità per i soldi o per fare la velina. Tutto questo non è il mio mondo. Io vivo nella mia realtà immersa negli anni che vanno dai ’30 ai ’50 periodo in cui le donne si sono fatte notare per grazia, eleganza e stile. Lo stesso stile che oggi molte non hanno poiché mortificano il corpo in abiti sbagliati e deturpanti le forme femminili.

Mi sento una Pin Up con morbide curve avvolgenti, donna burrosa e formosa e solare proprio come le Pin Up di un tempo. Ho la pelle chiarissima di porcellana, smalto rosso, labbra scarlatte incorniciate da capelli rosso passione. Red Passion quella stessa passione che mi scorre nelle vene e che mi ha reso una delle donne più seguite ed apprezzate dalle proprie simili.

Adoro vestire con abiti fascianti, il mio sedere inguainato in gonne con spacchi o abiti che coprono le calze con la riga che sono il mio unico amore insieme al reggicalze. Lui si che è il mio migliore amico! Sottolinea le mie gambe, la mia splendida cellulite che mi rende vera donna.

59721_10200425422749523_1495768135_n.jpg

Indosso tacchi altissimi e mi piace arrivare così oltre 1,80 cm ! I tacchi sottolineano le mie caviglie sottili ed il tattoo sulla caviglia destra: un ideogramma giapponese con tre lettere che significano sesso, amore, anima. Quello che cerco da un uomo…

Vivo di rimpianti per non essere vissuta negli anni ’40-’50 e l’uomo che mi fa impazzire è quello di quel periodo. Muoio per Gregory Peck, Clark Gable, Dean Martin, Bogart o Cary Grant. Impazzisco al pensiero di sentire l’odore della brillantina nei capelli, di vedere la mano accarezzarsi all’indietro i capelli magari con un piccolo pettine posto nel taschino della giacca.

Uomo in doppiopetto gessato stile gangster con anello all’anulare sx coloro oro a forma di sigillo reale. Mi sembra già di sentire l’odore dell’acqua di colonia fare da scia al suo passaggio e quel sorriso sornione di grande rubacuori. Che ci posso fare… Mi piace l’uomo così…

Gentiluomo, di spessore e gran seduttore..Che mi cinge la vita ballando un lento “a core a core” e che brinda con uno champagne di marca…

E’ questa l’immagine dell’uomo che ho nella testa e nel cuore..Ve l’ho detto che sono una donna d’altri tempi…

524173_10200425587993654_2122102930_n.jpg

 

261264_249393521754511_122617737765424_1067828_3806457_n.jpg


DOROTHY DEL MAGO DI OZ

Immagine2-325.gif

Pin Up come quelle di altri tempi. Pelle candida, occhi blu e capelli corvini.

Dorothy assomiglia alla splendida Liz Taylor ma il suo personaggio Pin Up è centrato di Dorothy del mago di Oz.
E’ un’insegnante, un’attrice ed una cantante molto apprezzata.

2.gif

Ecco cosa scrive Dorothy:
“Dopo una lunga battaglia con il mio corpo e una società che impone canoni di bellezza mirati all’omologazione e all’annullamento della femminilità, finalmente ho compreso che la bellezza vera sta nel nostro essere uniche. Accettarmi ed amarmi per ciò che sono è stato il regalo più grande che ho potuto fare a me stessa, trovando nello stile vintage e retrò dei modelli e delle icone con cui posso immedesimarmi e a cui posso ispirarmi, trasformando e giocando con la mia immagine interpretando ogni volta un personaggio diverso”.

Immagine2-253.gif


E conclude: “Come le grandi dive d’altri tempi, adoro la cura di ogni tipo di dettaglio; ritengo infatti che tutto, dal trucco alla gestualità, ci aiuti a trovare la nostra dimensione, il nostro fascino e la nostra personalità.

Nel mio piccolo vorrei trasmettere il messaggio che bellezza, fascino, cultura ed intelligenza possono coesistere, promuovendo un modello di donna che si piace, piace e che vive il suo fascino pensando con la sua testa, e non con quella di stilisti misogini che vogliono le donne come manichini!”






Immagine2 417.jpg

Immagine2-315.gif

ANGELIKA STRAUSS: BIONDA E FATALE

Immagine-035.jpg


Angelika ha venti anni, gli occhi verdi tendenti al giallo e un viso che in molti definiscono angelico.

Le misure  sono: seno 107, vita 70 e fianchi 92. Alta 1 m e 55 cm.

Così si descrive: “Vivo a Milano ma provengo dal sud Italia, ciò fanno di me una ragazza mediterranea doc.
Vivendo in una città come Milano sono appassionata di moda e adoro particolarmente lo stile pin-up da quando, nell’adolescenza, per le mie forme prorompenti, mi rispecchiavo in esso.

Immagine-190.jpg

Una figura che è sempre impressa nel mio immaginario di donna è Anita Ekberg che con le sue forme e la sua sensualità ha conquistato il mondo intero.

Studiando moda mi piacerebbe molto creare linee di vestiti e accessori in linea con la mia idea di VERA Donna.

Amo l’arte in ogni forma e, per la mia curiosità e voglia di conoscere e sapere, mi piace imparare sempre cose nuove. I miei interessi trovano infatti spazio in vari campi, dalla musica, alla lettura, ai film, al make up, allo sport…

Vorrei diventare, non dico modello perché risulterei piena di me, ma almeno un simbolo della lotta all’anoressia e ai disturbi alimentari che distruggono la femminilità, che ormai definirei quasi perduta in un mondo di soffocante attenzione alla magrezza.

Immagine-127.gif

Gli altri mi ritengono spigliata, dolce, affascinante, sensuale e maliziosa.

Sono fermamente convinta di essere nata nel decennio sbagliato, io mi sento una Pin-Up fuori e dentro!!

 

Immagine-015.jpg

Immagine-336.jpg

 

Immagine-079.gif


DOLORES, BIONDA SOSIA DI MARILYN

Immagine2-071.gif

Ecco un’altra mia Pin Up cari amici.

Si presenta da sola.


Il mio nome e’ DOLORES MONROE sono alta 1,60 porto la taglia 44/46 e le mie misure sono 105 – 86 – 103.

Sono bionda platino come il mio mito da cui ho “ rubato” il nome d’arte.

I miei punti forti? Occhi da cerbiatta, pelle candida e seno prorompente e la fortuna di assomigliare alla mitica Marilyn.

Amo la lingerie, i corsetti i bustini e le calze autoreggenti naturalmente in stile pin- up.

Le mie passioni : Egittologia, arti marziali, danza ed ovviamente Marilyn.

Dicono di me che sono una donna dolce, timida e simpatica…. ma non sanno che in realtà sono un vulcano di sensualità e passione pronta ad esplodere.

Mi sono avvicinata alla agenzia modelle Pin Up del 2000 per puro caso, ed ho scoperto che in realtà lo stile PIN UP era dentro di me da sempre.

Immagine2-193.gif

E’ ora di mettermi in gioco e cercare, con molta umiltà, di riproporre lo stile del mio mito Marilin Monroe.

Di giorno una semplice impiegata ma la sera saro’ la vostra DOLORES MONROE.

DISPONIBILE IN TUTTA ITALIA PER SERATE NEI LOCALI, FESTE A TEMA, FESTE PRIVATE.

1.gif

Immagine2-143.gif

Immagine2-165.gif

MARILYN GIN: LA SOSIA DI MARILYN MONROE

F.L.V.88.jpg


Il suo look ricorda quello della sensuale Marilyn Monroe. E’ la sosia di Marilyn, con la sua grande carica erotica.
Bionda, occhi azzurri, seducente e molto glamour.
Marilyn è un’artista Pin Up specializzata in spettacoli di trasformismo ed è una punta di diamante della mia Pin Up del 2000 Agency.Ssi cala nei panni della Monroe, di Madonna, Lady Gaga e altre Star internazionali.Ma principalmente è Marilyn.

155616_644370365579636_1448383114_n.jpg
Uno Show molto curato, sexy e mai volgare, che si adatta a feste di compleanno, locali, feste, addii al nubilato e ad ogni evento che richieste femminilità, bellezza e charme.

Dice: ” Il mio nome d’arte è marilyngin…sono alta 1,60, taglia 40, capelli biondi …
la mia passione è il ballo…ma anche farmi fotografare.




Amo stare al centro dell’attenzione e interpretare in qualsiasi luogo il personaggio…
E’un vero piacere lavorare per voi….”

 

528380_644370662246273_1209566386_n.jpg

557956_644370292246310_1660918485_n.jpg

F.L.V.37.jpg


INTERVISTA A SIMONA SESSA BY ANTONELLA LIOTTA

Immagine2-052.gif

Cari amici ecco la bellissima intervista che mi ha fatto di Antonella Liotta. Buona lettura!

 

Capelli rosso fuoco, unghie scarlatte, labbra color porpora. La senti arrivare grazie al tichettie dei suoi tacchi che preannuncia una donna che non si dimentica. E lei di certoi nonsi dimentica. Sto parlando di Simona Sessa, prima Pin Up d’Italia e promotrice del Pin Up Style in Italia.

Imprenditrice di successo, ha aperto ad Ancona l’Atelier vintage Pin Up del 2000 dove ha dete: una pregiata sartoria per creazioni di alta moda retro’, una sala posa vintage, la scuola di Pin Up/Burlesque, seduzione e femminilità, un’agenzia di Pin Up e Burlesquer.

Immagine2-064.gif

E’ una donna forte e socialmente impegnata Simona: ha aperto con successo l’associazione Pin Up del 2000 che combatte anoressia, bulimia e disturbi alimentari. Venti anni di bulimia l’hanno segnata al punto da consacrare tutta la sua vita ad una politica pro curvy in difesa delle donne con le curve.

E lei di forme ne ha da fare invidia. “E’ un cumulo di curve che più curve non si può” avrebbe detto il grande Fred Buscaglione: ma forse pensava proprio a lei quando cantava la celeberrima canzone.

 

 

Chi sono le vere Pin Up? Quelle di ieri o di oggi?

Decisamente le pin up di ieri. Erano veramente pin up con vita stretta e forma naturali, quelle di oggi non esistono realmente, le donne modello velina non sono pin up per carità. Ormai i modelli di bellezza sono totalmente alterati rispetto a quelli genuini degli anni ’50.

cristal disco 3.jpgRicorda i suoi inizi?

Già a 18 anni ero molto inquieta e dimostravo tante velleità artistiche. A 18 anni ho iniziato subito a fare animazione nei locali e per 10 anni circa sono stata una delle cubiste più note e richieste della Campania. E da lì è iniziato tutto..

Amavo ballare sui cubi, amavo ballare ed essere guardata, soprattutto desiderata come sex symbol. Ho sempre adorato sedurre e ballando ero sempre al centro dell’attenzione. Corpo e viso in primo piano. Stupendo!

Ed il suo approdo in tv?

 La tv è stata il mio amore ed il mio odio. Amavo stare in tv ma il prezzo da pagare per fare carriera era troppo alto ed io per soldi non mi piego a tutto in nome del successo. Ho dei valori molto solidi tra cui l’onestà, la serietà e la pulizia morale. Ricordo all’epoca che per fare carriera i letti da passare erano tanti..per carità.. meglio fare una vita normale con la moralità intatta. Il libro sui Take That è stato una parentesi, legato ad un programma tv che conducevo sui take that, erano gli idoli del momento e ho scritto il libro per raccontarli e per pubblicare le tante lettere d’amore che mi arrivavano sui TT

Tutte queste esperienze l’hanno portata finalmente a trovare se stessa, con la realizzazione del progetto Pin Up del 2000, la sua opera più grande.

Come nasce Pin Up del 2000?

 

Pin UP del 2000 è un progetto nato dalla mia mente per superare la mia bulimia di cui ho sofferto per 20 anni. Guardare le Pin UP nella loro bellezza rigogliosa mi ha aiutato a capire che in me non c’era nulla di sbagliato. Casomai è sbagliata la società di oggi che impone alle donne modelli di magrezza irraggiungibili.

 Immagine-539.jpg

Intanto tra queste mille esperienze la Simona donna vive, si sposa, diventa mamma. Come riesce a conciliare la tua vita di donna e mamma con quella lavorativa? Deve essere molto faticoso. Che tipo di mamma è?

Essere diventata mamma è stata la cosa più difficile per me. Conciliare la mia vita privata con il mio lavoro non è facile perchè mi sto dedicando anima e corpo a mio figlio che ha un disperato bisogno di me. Ivan è un bambino sempre in movimento, capriccioso, iperattivo: è difficile stargli dietro ma con grandissimi sacrifici ci sto riuscendo. Ora inizio a respirare, sta crescendo e sto cercando di ricreare di nuovo i miei spazi.

Sono una mamma apprensiva, dolce, tenera e coccolona. Credo che con l’amore e la dolcezza e tanto contatto fisico si possa trasmettere l’amore vero ad un figlio ed educarlo piano piano.

 Torniamo alle Pin Up del 2000. Il progetto prima di tutto ha un importante obiettivo sociale: liberare la donna dalla schiavitù dei canoni estetici odierni.

Cosa è la seduzione per lei?

La seduzione è un dono. E’ innata di solito e va esercitata. Molte dimenticano di esercitarla e si ritrovano mascolinizzate. La seduzione è la nostra arma più potente: l’arte di sedurre, di pia<cere, di essere irresistibili agli uomini ed anche alle donne. Si apprende e si interiorizza, ogni donna ha il suo modo di sedurre

 

Immagine2-040.gif

Ho aperto Pin UP del 2000, il cui quartier generale è ad Ancona. In questo meraviglioso spazio ho creato un’atelier con sartoria vintage, angolo per la vendita di lingerie e articoli che si trovano nel mio store on line www.womanshop.it, poi faccio corsi di seduzione, burlesque, trucco, parrucco vintage, organizzo matrimoni vintage e faccio set fotografici con ragazze stupende in arrivo da tutta Italia. I corsi sono aperti a tutte le donne che voglionio sentirsi sicure, più belle. Per la scelta delle Pin Up scelgo quotidianamente da innumeravoli mail le ragazze che meglio possono testimoniare sulla loro pelle il discorso donna in carne che porto avanti.

 

Novità dal suo mondo?

 

L’iniziativa “Voglio cambiare!” che si rivolge a tutte le donne e ragazze insoddisfatte del proprio aspetto, depresse o che non si piacciono. In pratica venendo da me studierò per loro un nuovo look con cambio taglio e colore capelli, mini corso di seduzione con lezioni sugli strumenti per aiutare a sedurre (spray a feromoni, olii per massaggi sexy, commestibili e tutto ciò per stendere il partner), abito su misura ed accessori e per chi vuole servizio fotografico

 

La bellezza è imperfezione, è unicità. Sempre. Le cose in serie non sono belle perchè ne esistono in diverse quantità. Un essere umano, una donna è sempre una persona unica e per questo è già perfetta. Se non si piace alcuni difettucci possono essere eliminati o mimetizzati. Il sesso è vita, il sesso è donna, è seduzione. Se una donna ha uno scarso richiamo verso il sesso difficilmente potrà sedurre ed essere irresistibile.. Un uomo avverte quando la donna è sessuale…

 

mix-ok-p.jpg

Progetti futuri?

La Simona del futuro si vede sempre più imprenditrice proiettata ad esportare i suoi capi sartoriali griffati Femmina Pin Up ed i suoi prodotti in tutto il mondo ma specialmente in USA. Il mio sogno è un mio atelier nella grande Mela, ma di strada ne devo fare ancora. Mi piacerebbe aprire un franchising di punti vendita Femmina Pin Up nelle migliori città d’Italia!


_MG_3914-p.jpg