burlesque

LADY BURLESQUE: SU SKY UNO IL PRIMO TALENT SHOW AL MONDO SUL BURLESQUE

LogoLadyBurlesqueDEF.jpg

Arriva Sky Uno il primo talent show al mondo sul burlesque, ovvero Lady Burlesque.

Il programma offre alle partecipanti la possibilità di avvicinarsi in modo concreto al burlesque frequentando una vera e propria scuola.

Gli autori tengono a chiarire che il programma non prevede nessuna aspirante valletta o velina, nessuna casalinga disperata messa in ridicolo: le donne a cui è rivolto questo progetto sono donne con vite normali, desiderose di fare un’esperienza concreta e impegnativa nell’ambito del burlesque, accompagnate da insegnanti di alto livello. Il risultato dell’insegnamento vuole essere la valorizzazione della propria femminilità, sia con sensualità che con ironia, ma anche una significativa base tecnica che metta le partecipanti in condizione di esibirsi con sicurezza davanti al pubblico. Insomma: seduzione in privato come sul palco.

La fase di pre-selezione avverrà attraverso interviste con la redazione; poi, nel mese di gennaio 2011, tramite quattro workshop con un totale di sessanta partecipanti. La produzione intende collaborare con due tra le scuole di Burlesque più importanti in Italia: la Burlesque School Milano e l’Accademia dell’Arte Burlesque del Micca Club di Roma. In compagnia dei vari coach di coreografia, recitazione, trucco e costume, il programma mostrerà al pubblico tutto il processo creativo che c’è dietro ad un’esibizione di burlesque.

In ogni appuntamento serale con il nuovo “Burlesque tv show” di Sky Uno verranno proposte sia le routine preparate dalle “alunne” della scuola che alcune spettacolari esibizioni di importanti performer nazionali ed internazionali. Infatti, nel cast di Lady Burlesque è stata già annunciata la presenza fissa in ogni puntata della principale diva del burlesque italiano, Eve La Plume, nella duplice veste di performer e di giurata.

Per saperne di più e per partecipare ai casting, contattate la redazione del programma:
e-mail ladyburlesque@europroduzione.com
 

segreteria telefonica 06.45423392

 

450.gif

(trovate tutto per il Burlesque nel 1 Pin Up store d’Italia) www.pinupstore.com

PIN UP STORE: IL REGNO DELLA SEDUZIONE E DELLA FEMMINILITA’

completo.gif

Il regno della seduzione e della femminilità. Un’oasi per ritrovare la voglia di vestirsi esaltando le proprie curve.

Il crocevia del Pin Up e Burlesque Style dove trovare articoli importati dall’estero. 

Un mondo dedicato alle donne con le curve orgogliose della loro prorompente fisicità. Questo e tanto altro ancora è il Pin Up Store, il 1 d’Italia, ideato da Simona Sessa, giornalista, blogger e scrittrice, da sempre grande appassionata di Pin Up style.

Una nuova tipologia di negozio, mai esistita in Italia, che ricalca gli show room degli anni ’40-’50, regalando sempre emozioni raffinate e mettendo sempre al primo posto la donna e le sue curve.

Un regno ovattato della femminilità dove ritrovare la vera ed intima essenza di ogni donna.

Il termine Pin Up Store significa quindi: negozio della Pin Up e della Burlesquer di oggi con tutti gli articoli più sexy ed innovativi per il mercato italiano. Un punto di incontro per le donne che desiderano esaltare la propria sensualità, femminilità e le loro forme. Un vero e proprio Shop Vintage dove trovare anche gli articoli più introvabili in Italia.

Quotidianamente lo Staff di Simona Sessa seleziona da tutti i produttori mondiali articoli e prodotti a marchio che entrano a far parte del Pin Up Store e che sono quindi acquistabili dai  clienti e dai rivenditori del Pin Up Store d’Italia.

Dall’apertura ad oggi lo shop si è arricchito di tantissimi articoli preziosissimi e indispensabili per le donne di oggi in chiave Pin Up. Ecco perché il concept del Pin Up Store è diventato un sinonimo di garanzia. Gli articoli scelti dalla Sessa sono perciò scelti, inseriti nel Pin UP Store e commercializzati. E stanno raccogliendo molti consensi perché sottolineano la femminilità di ogni donna.

Lingerie, abiti, scarpe, lingerie, accessori mai volgari. Erotismo Doc e patinato come quello delle donne anni ’40 e ‘50. La dimensione in cui viaggia lo Store è quella delle Pin Up americane come Marilyn Monroe, Bettie Page, Jane Russell.

Un’atmosfera ovattata, Burlesque e Vaudeville che ha sempre al centro dell’interesse la donna. Esaltare il sex appeal di tutte è la missione del Pin Up Store educando le donne ad un nuovo rinnovamento di costume.

Inoltre lo Store è il negozio dove trovare abiti e vestiti per donne formose e con le curve: in Italia non esiste uno shop di questo tipo. Anche abiti, lingerie, calze per taglie Plus Size, XXL, XXXL e accessori per donne super formose.

Il marchio Pin Up Store è registrato e protetto e identifica questa tipologia particolare di negozio.

Il Pin Up Store ufficiale di Simona Sessa è ad Ancona, in via Tiziano 21 e si riceve solo su appuntamento. Info line 333 7499566.

 

A breve l’apertura del 1 Pin Up Store del Lazio, autorizzato da Simona Sessa, in via Gino Capponi 70, zona S. Giovanni, Roma. Info tel 06 7802819.

 

 

logo.jpg

 

 

KARL LAGERFELD SI CONVERTE ALLE DONNE CON LE CURVE

karl-lagerfeld1.jpg

Aveva fatto inorridire tutti con le sue affermazioni razziste nei confronti delle donne formose e oggi con il suo lavoro cancella con un colpo di spugna le frasi offensive indirizzate a tutte le donne con le curve.

 

 

Karl aveva detto: “Ci sono mummie grasse che si siedono davanti al televisore con i loro pacchetti di patatine e dicono che le modelle magre sono brutte. Il mondo della moda è fatto di sogni e illusioni e nessuno vuole vedere donne rotonde. Solo alle grasse non piacciono le modelle magre”.

 

Frasi al vetriolo che avevano scatenato l’ira di tante donne normali e con le curve  bollate dall’anoressico e isterico stilista come “grasse” e “mummie”.

Oggi Lagerfeld è ancora protagonista.

 

Oggi Fanno parlare le immagini della ultima campagna pubblicitaria di Chanel apparse nel sito models.coml ispirata al Burlesque. Protagonista è la bellissima Dirty Martini, donna super in carnissima.  E protagonista assoluta di tutti gli scatti che trovate qui:

http://models.com/v-magazine/v-size-4.html

 

V63_KARL-LAGERFELD_01.jpgUn servizio fotografico che lascia senza scatti per l’avvenenza e le abbondanti curve della modella in abiti e atteggiamenti Burlesque. Pelle chiarissima, seno abbondante, sedere prominentissimo e sguardo da Diva..

Il Burlesque ormai ha sposato le curve. E più ce ne sono e meglio è…

Ed ora arriva a bussare alle porte della maison Chanel.

Ma come? Una donna formosa negli scatti di Karl? Direi quasi che questa conversione lascia senza fiato.

La performer infatti è davvero in carne e sdogana per sempre la procacità nel mondo del’altezzoso Karl.

 

Che finalmente anche gli stilisti stiano iniziando a ragionare?

 

La mia risposta è si… Nessuno ormai, compresi gli stilisti, può più ignorare il fascino di corpi torniti e vitali..

 

Per questo motivo ci auguriamo che nuovi altri stilisti rinsaviscano e nel frattempo ci gustiamo questi meravigliosi scatti ..

 

“Morbida e Rotonda: così è la donna di oggi”.

 

V63_KARL-LAGERFELD_05.jpg

 

 

LE VINCITRICI DI MISS PIN UP 2009

misspinup1.gif

Care amiche eccoci giunti al momento più atteso e forse sofferto….

Finalmente il nome delle 6 vincitrici di Miss Pin Up 2009.

Approfitto per ringraziarvi tutte. Le aspiranti erano circa 200 ma solo 6 per quest’anno l’hanno spuntata… Congratulazioni alle fortunate e un abbraccio affettuoso a chi non ce l’ha fatta. Molte si chiederanno il perché. Ebbene tante sono state scartate perché non erano nella posa giusta, non ben inquadrate ed abbigliate in foto. Come voi sapete, il look-trucco e parrucco vuol dire tanto e anche in questo caso è stato decisivo. Molte bellissime sono state eliminate per questo. Se avessero curato questi aspetti forse ora sarebbero sul podio con le altre..

Ma andiamo avanti…Molte di voi potranno ritentare la fortuna con Miss Pin UP 2010, le cui iscrizioni inizieremo a raccoglierle dal 1 Gennaio 2010 perciò non disperate! Guardate le foto delle vincitrici per capire come mai hanno vinto…Imitatele ma sempre restando voi stesse!

giusi.gif

Dal canto mio sono molto soddisfatta di questa prima edizione di Miss Pin Up che ha conquistato tante di voi, totalizzato sempre più consensi ed attenzione da parte degli addetti ai lavori. Posso dire che è stato un successo. Non mi aspettavo tante adesioni e tante ragazze orgogliose di mostrare le proprie curve..

L’anno prossimo forse ci saranno grosse novità e forse la finale del concorso la faremo in un splendida location dove ammireremo tutte le candidate. Tante novità ma non voglio anticiparvi nulla.

joara.gif

Ma torniamo al concorso vi ricordo che Miss Pin Up è il nuovo concorso per valorizzare le ragazze e le donne sexy taglia 44-46-48-50.

IL PRIMO CONCORSO VIETATO ALLE TAGLIE 38-40-4


La competizione sociale per combattere l’anoressia e la bulimia organizzata da me.

Il livello delle aspiranti è stato davvero alto per cui abbiamo deciso di creare altre tre fasce oltre alle tre previste.

Sono quindi 6 le vincitrici assolute di questa edizione di Miss Pin Up.
Sei le fasce:

  MISS PIN UP – Giusy Cosentino “La Pupa” è alta 1,67 cm e le sue misure sono da vera atomica (fianchi-vita-seno) 100-70-90. Taglia 44-46. E’ di Catania, la città del sole e delle belle donne.


tiziana.gif

 MISS BURLESQUE – Tiziana Montefusco, performer Burlesque, mora, mediterranea, solare. Nata il 23/3/89 a Brasilia, vive a Napoli. E’ alta 1,74.
Le sue misure esplosive sono seno: 104, vita 70 e fianchi 100
Taglia 44-46

 

MISS TAGLIA 48 – Miss Moony Midnite, alias Laura, è una ragazza appassionata di anni 50, burlesque e molto altro. 28 anni di Torino, laureanda in scienze internazionali e diplomatiche. E’ fiera ed orgogliosa di vestire la taglia 48.


peggy.gif

MISS FEMMINA PIN UP –

Miss PeanutButter Peggy, 20 anni, marchigiana Doc . Femmina doc è alta 1,75 e pesa 83 chili. Le sue misure mozzafiato sono: seno 107 –  vita 85 – fianchi 105. Taglia: 48

 

MISS SIGNORINA GRANDI FORME – Lady Joara, 22 anni. Altezza 1,69 per 71 chili di peso. Misure: seno 92, vita 71 e fianchi 97. Taglia 46. Bella. morbida e avvolgente. Brasiliana ma da anni vive in Italia. Studia all’università di Ferrara. 


clara.gif

MISS WOMAN SHOP – Clara Finotti, 27 anni, è nata a Carrara. E’alta 1,69, pesa 75 kg e porta la taglia 48. Le sue misure super sono: seno 98, vita 80 e fianchi 99.
Mora, capelli neri e look tipicamente pin Up e Rockabilly. Segni particolari tatuaggi da vera Modern Pin Up.


moony.gif

Il concorso Miss Pin Up è sponsorizzato dal Woman Shop (www.womanshop.it), il primo Pin Up Store d’Italia e dalla griffe di cosmetica, abbigliamento e lingerie Vintage Femmina Pin Up (www.femminapinup.com).
Le vincitrici hanno diritto a premi offerti dal Woman Shop e dalla griffe Femmina Pin Up come scarpe, lingerie, abbigliamento, accessori.

 

MISS PIN UP WEB E DATABASE RAGAZZE

mix.gif

Iscrivetevi a Miss Pin Up

 

Attesissimo il primo concorso italiano per maggiorate tutte curve. Miss Pin Up è il nuovo concorso per valorizzare le ragazze e le donne sexy.

IL PRIMO CONCORSO VIETATO ALLE TAGLIE 38-40-42

L’atteso concorso di bellezza sociale italiano per combattere l’anoressia e la bulimia.

Tra i numerosi concorsi di bellezza che impazzano in Italia e che premiano ragazze molto similari tra loro nasce Miss Pin Up: l’originale competizione per maggiorate tutte curve.

Un concorso innovativo per valorizzare la donna taglia 44-46 e oltre che ricorda le dive sexy degli anni ’40-’50. Si cercano bellezze alla Marilyn Monroe, Betty Page o Jane Russel che trasmettano sensualità e passionalità.

Credi di essere una bomba sexy? Fai impazzire con uno sguardo gli uomini? Hai un seno e un fondoschiena da urlo? Il tuo modo di ancheggiare è irresistibile? Ti trucchi da gatta per sedurre? Questo è il tuo concorso. 
Insieme a Miss Pin Up 2009 sarà eletta anche Miss Burlesque e Miss taglia 48.
Perclò non esitare ad iscriverti!

                                                SCADENZA CONCORSO

Continueremo a raccogliere le iscrizioni di Miss Pin Up fino al 15 Dicembre 2009.

Il concorso Miss Pin Up Web è sponsorizzato dal Woman Shop (www.womanshop.it), il primo Pin Up Store
d’Italia e dalla griffe di cosmetica, abbigliamento e lingerie Vintage Femmina Pin Up (www.femminapinup.com)
Miss Pin Up, Miss Burlesque e Miss 48 saranno elette entro fine Dicembre 2009.
Ed il 1 Gennaio 2010 inizieremo a raccogliere le adesioni di Miss Pin Up Web 2010.

Non esitate. Miss Pin Up, Miss Burlesque e Miss 48 potrai essere proprio tu!

 

 

Altra iniziativa: il database Pin Up del 2000

 

Grazie alle tante richieste di adesione al concorso e alle tante ragazze che mi stanno contattando sto creando un database di ragazze formose, plus size, Pin Up, donne formose desiderose di lavorare nello spettacolo/moda/pubblicità.

Qui inserirò le ragazze disponibili per eventuali lavori.

http://www.misspinup.org/agency-pin-up.html


Sarò io a gestire i contatti di lavoro e con le ragazze garantendo un servizio di management in tutta Italia.

Ormai sono un punto di riferimento per le donne con le curve e abbiamo tante ragazze da proporvi.

Sei una Pin Up, artista Burlesque, ragazza formosa (dalla 44 in poi), Plus Size, donna sexy e con le curve?
Vuoi lavorare come modella (in carne), fotomodella, hostess, tv, spettacoli ecc?
Sei esordiente ma maggiorenne?
Inviami il modulo che scarichi qui nel sito e qualche foto a figura intera e primo piano a
pinupdel2000@alice.it
Ti inserirò nel nostro database e ti contatterò se ci sono casting o offerte di lavoro.

Su ragazze vi aspetto!!!

Simona

 

IN ESCUSIVA NAZIONALE ARRIVANO LE CREME BURLESQUE E PORCELLANA PER LE PIN UP DI OGGI

Lanciato nel mercato italiano il brand Femmina Pin Up di creme per donne sexy e femminili

 

burlesque.gifArriva in Italia, in esclusiva nazionale, nel sito Woman Shop (il 1 Pin Up Store d’Italia) la Burlesque Cream, studiata per donare alla pelle l’effetto bianco lunare tipico delle artiste Burlesque.
Una crema mai creata. Riflessi perlati e cangianti per un incarnato perfetto sotto le luci della ribalta. Un prodotto che ogni vera Diva Burlesque dovrebbe avere nel cassetto.

La pelle appare vellutata, chiarissima e lattea pronta per scintillare sotto i riflettori grazie a una pioggia di riflessi di luce glamour, come stelle cadenti sulla pelle.

La crema è griffata Femmina Pin Up, il brand di Simona Sessa l’ultima Pin Up italiana nonché scrittrice e blogger.

La punta di diamante della linea cosmetica Femmina Pin Up per donne sexy e femminili è proprio la Burlesque Cream che, in pochi giorni che è uscita, sta destando moltissimo interesse.

E’ un prodotto appositamente studiato per pelli chiare, delicate anche intolleranti che racchiude un prezioso segreto. Per rendere la pelle cangiante e rilucente nella crema è stato aggiunto un ingrediente “speciale” che regala un riflesso perlato ad ogni applicazione. E’ perfetta per il corpo ed il viso ed illumina il decoltè trasformando in bambole Pin Up.

La crema è destinata a tutte le Modern Pin Up, artiste Burlesque, performer che amano esaltare la pelle chiara e donne che vogliono risplendere di giorno e di notte.

2380_52844558639_696553639_1444317_3493375_n.jpg

Testimonial della crema Burlesque è Lada Redstar, nota performer Burlesque in tutto il mondo. Della crema dice: “Fantastica questa crema! La uso ad ogni occasione…inimitabile! Indispensabile per ogni vera diva burlesque!”

La confezione è ispirata a quelle retrò degli anni ’50, senza scatole, ma sigillata in modo da mantenere inalterate le proprietà benefiche della crema.

 

 

Altra punta di diamante del campionario della innovativa linea Pin Up, per donne che amano esaltare il proprio sex appeal, è la Crema Porcellana.

Nata anch’essa per dare risalto alla pelle chiara ed indicata per donne che non desiderano abbronzarsi ma conservare una immagine eterea.

La Crema Porcellana, con effetto madreperla, è in grado di dare risalto alla pelle lattea e quindi renderla più candida e lunare ma è più leggera di quella Burlesque il cui effetto è potenziato.

La pelle appare compatta, chiarissima, vellutata dai riflessi madreperlati e porcellanati.

L’effetto madreperla si noterà alla luce del giorno mentre a quelle artificiali si accenderà di bagliori luccicanti che la rendono unica nel mercato italiano.

Il profumo delicato rimanda ad atmosfere Vintage e raffinate.

porc-scont.gifLa Crema è utilizzata sia per il corpo che per il viso ed è un’ottima base per il trucco.

Tutti i prodotti Femmina Pin Up sono senza nichel, non testati su animali e ipoallergenici.

La linea propone anche la crema Solare No Sole con protezione 35-40 per limitare l’abbronzatura e conservare il più possibile la pelle chiara. Proprio come facevano le Pin Up e le donne sexy degli anni Cinquanta orgogliose di un incarnato candido e da vera Diva.

La pelle oggi è la protagonista di una sexy Pin Up dei nostri giorni. Il sole deve essere bandito. Rovina la carnagione che per non invecchiare e conservare la sua integrità non può essere esposta al sole.

L’abbronzatura è out ed anche molto pericolosa. Rughe e macchie sono in agguato. Si rischia per la salute dermatologica e in più l’effetto finale non è molto seducente.

E’ importante perciò rivalutare la figura della donna e del suo incarnato: la pelle bianca da secoli è considerata sinonimo di aristocrazia.

Nell’Ottocento era una caratteristica delle nobildonne. Infatti avere una carnagione chiara era considerato un segno tipico delle classi nobili, contrariamente all’essere abbronzati che caratterizzava le donne della scala sociale più bassa. Quest’ultime facevano lavori umili ed in genere pesanti all’aria aperta che abbronzavano la pelle.

Era infatti usanza comune per le nobildonne andare in giro sotto ombrelli e parasoli per ripararsi dal sole.

“Ho creato questa linea di prodotti proprio per proteggere ed esaltare la pelle chiara – spiega Simona Sessa -. In questo iniziale periodo di lancio ho notato molto interesse per le mie creme che danno splendore all’incarnato pallido. La mia idea innovativa è piaciuta molto. Le creme sono destinate anche ad artisti teatrali, Dark, Punk e coloro che amano trasformarsi”.

Ma per le pelli scure è stata ideata la crema Caraibi, per esaltare il colorito acceso delle pelli abbronzate, olivastre e scure. Per rendere la pelle rilucente nella crema è stato aggiunto un ingrediente speciale che regala un riflesso color rame ad ogni applicazione.

La linea Femmina Pin Up è composta da creme giorno, notte, doccia afrodisiaca e rilassante, latte detergente, maschera viso per sottolineare i volti delle donne sensuali. E per sentirsi vere Femmine…

La trovate nei siti: www.womanshop.it e www.femminapinup.com

 

Info: femminapinup@alice.it

bic.gif

BURLESQUE: LA BUFFONATA IN TV

 19A.jpg

Care amiche avete visto il servizio Rai di questi giorni sulla moda Burleqsue in italia?…
L’ho visto quasi tutto e mi è bastato. Come ho gà ho scritto molti fenomeni alla ribalta diventano di moda e rischiano di essere spettacolarizzati e spesso banalizzati.
Mi spiego meglio. Io come te e tanti nostri amici sappiamo benissimo che il burlsque è un’arte vera e propria: uno spettacolo definirei teatrale di moda negli anni ’40-’50 che ha reso lo spogliarello un momento altamente erotico grazie all’abbigliamento, ad ammiccamenti e ad una chiara impronta del Vaudeville francese di fine Settecento. Altro che ginnastica per dimagrire.

Non ho visto il servizio degli esercizi in palestra per cui non mi sento di esprimermi perchè non so come è strutturato. Dico che associare il Burlesque ad un corso per dimagrire in palestra mi fa letteralmente ridere.
Io ricordo le Pin uP da Bettie Page a Tempest Storm che non erano magre. Anzi. E molte regine del Burlesque non esercitavano per essere in forma. Solo come forma di espressione e comunicazione.

Rispetto poi al triste show carnevalizio che ho visto in studio Rai ieri da un Max Bertolani con il boa a far fare affondi normalissimi a Gegia e alla Chiappini mi veniva da ridere. Mica è quello il Burlesque..ahha

E poi il tutto condito da musica brasiliana. Davvero uno spettacolo grottesco. Altro che Burlesque. Purtroppo in Italia c’è una grande ignoranza dell’informazione in genere sul Pin Up style e sul Burlesque eppure ci si improvvisa esperti, maestri e appassionati. E la cosa grave che si mettono su spettacoli da circo semplicemente per confenzionare puntate tv che suscitano il clamore.
Questo è gravissimo.
Ricordo che i tg italiani non hanno dato la notizia della morte di Bettie Page scomparsa da poco che è il simbolo mondiale delle Pin Up e della seduzione. Una cosa assurda…
Figuriamioci se si è preparati sul Burlesque in Italia…Ora l’hanno fatta diventare una moda perchè fa notizia…Tra un anno manco ne parleranno più…Tutto si crea e tutto si distrugge…
H-1007.gif
Questo amici per dirvi che essere a digiuno di qualcosa non è grave. E’ grave diffondere concetti ed espressioni sbagliate e distorte solo per il gusto di fare spettacolo…

Una news:
A breve nel Woman Shop venderò Dvd di Keda Breeze, nota performer Burlesque, per il momento in lingua originale poi forse in italiano proprio per imparare dalle professioniste cosa è davvero il Burlesque.

Inoltre, volevo annunciarvi che la mia partecipazione nel programma Rai 4 Vite Reali sta ottenendo un grande successo. Piace la mia scuola di seduzione che riproporrò live al PIn Up Bar, dove attiverò il laboratorio Burlsque per provare insieme i passi insegnati da Keda nel Dvd. Un momento per vestirci Vintage e divertirci insieme. Una libera espressione ma NON lezioni.

Se tutti avessero un approccio più umile verso le arti o le pratiche nuove si eviterebbero le figuracce in tv Bertolani e company hanno fatto.

BOOM DI BURLESQUE: ATTIVATI I CORSI IN PALESTRA

 1813644.jpg

 

E finalmente care amiche parliamo di Burlesque. La danza erotica propria delle Pin Up e di tante artiste degli anni ’40 e ’50.

Il Cabaret super sexy anni ’40-’50 che propone sexy spogliarelli Vintage mai volgari.

E finalmente il 2009 è l’anno del Burlesque. Ecco che nascono i corsi di Burlesque per le tante richieste fioccate in questo periodo. Al club Downtown di Milano dove Felix, ballerino e coreografo responsabile del corso di burlesque lanciato lo scorso settembre – quindici donne tra i 25 e i 40 anni – spiega: “Mi sono accorto che c’era una domanda di sexy non volgare, qualcosa che insegnasse alle donne a giocare con la propria femminilità, anche solo a camminare con i tacchi alti“. Da portare in palestra: tacchi 10, piume di struzzo, bustini, reggicalze. L’abbigliamento da Pin Up è d’obbligo per partecipare ai corsi.

Per chi desidera lezioni private, sempre a Milano Eve La Plume, Manuela Porta, stilista nella vita di tutti i giorni ma performer per puro divertimento, insegna i segreti del Burlesque. Tre i punti chiavi dei suoi spettacoli: “Marie Antoinette”, “Carillon” e “Burlesque Rouge”. Serate top (una al mese) al Connie Douglas da un anno e mezzo dedica una serata al mese al burlesque con l’apporto di Attilio Reinhardt, l’ambasciatore del Burlesque in Italia.

A Roma al Micca Club a Novembre, si è svolto il Roma Burlesque Festival. E poi i libri a tema come quello di prossima uscita “Burlesque. Curve assassine, sorrisi di fuoco e piume di struzzo” (Eumeswil editore) di Attilio Reinhardt. Infine a San Francisco c’è spazio anche per il Boylesque, corsi e show di burlesque al maschile molto frequentati.

 

 burlesque_narrowweb__300x450,0.jpg

Da Wikipedia ecco la definizione perfetta: Burlesque è il termine che definisce un genere di spettacolo nato nella seconda metà dell’Ottocento nell’Inghilterra Vittoriana ed importato successivamente negli Stati Uniti, dove riscosse grande successo soprattutto fra gli strati di società meno abbienti. L’origine? Tutto si è amplificato grazie allo scalpore per la compagnia delle British Blondes, a Little Egypt e alle produzioni dei fratelli Minsky

Nel giro di pochi anni, divennero celebri i nomi di decine di favolose artiste che sapevano spogliarsi con sensualità ed ironia in dosi ben calibrate: Dixie Evans, Gipsy Rose Lee, Tempest Storm, Blaze Starr, Ann Corio, etc..

Anche Bettie Page – la celebre pin-up, icona del gusto fetish – è spesso associata al burlesque, nonostante non si sia esibita quasi mai sul palco, ma solo in alcuni film girati da Irving Klaw.

Il Burleque in realtà ha origini dal Vaudeville di fine Ottocento o dei primi del Novecento. Al contrario del Vaudeville, il burlesque era caratterizzato da sketch ammiccanti e proponeva anche numeri di strip-tease. Le ballerine ballavano sempre più svestite ed ironizzavano su sé stesse.

La più grande artista al mondo Burlesque è Dita Von Teese che è riuscita ad innalzare il Burlesque alla massima potenza.

Ma sui corsi di Burleque in palestra Attilio Reinhardt comunica: “Alcune palestre stanno proponendo “corsi di burlesque” che, nella maggior parte dei casi, sono una via di mezzo tra il fitness e lo strip. Questa unione genere qualcosa che non è burlesque. Il burlesque ha più a che fare con il teatro e al limite con la danza, che con il resto.

I mezzi di informazione stanno facendo il resto, diffondendo concetti errati. Sto cercando di bloccarli ma l’impresa è ardua.

Spero che capirete qual è la differenza tra sudare sul palco e sudare in palestra.

Sono questioni di limitata importanza, ovviamente. Ma, visto che mi occupo di burlesque, mi sembra giusto puntualizzare. Grazie a tutti”.

Attilio Reinhardt
http://www.burlesque.it/

 

smIMG_7126copya.jpeg

 

BURLESQUE LA DANZA PIU’ SEXY

posta.gif

“Ciao Simona!! Avrei una domanda da farti: purtroppo sono consapevole del fatto che qui in Italia la cultura del burlesque è poco diffusa…

Ciò è davvero triste, perchè io la trovo una forma di spettacolo estremamente sexy ed ironica…la stò “pubblicizzando” (come stò facendo anche con il tuo sito) tra i maschietti…Li invito a vedersi i video su youtube, il tuo sito, womanshop e altro…e scopro ogni volta con estremo piacere che apprezzano questi argomenti al di là di ogni mia più rosea aspettativa..La domanda è: esistono in Italia locali in cui si tengono esibizioni burlesque?

O scuole per imparare l’arte di Dita Von Teese (solo per citare la performer più nota in questo periodo)? Conosci un indirizzo serio al quale potersi rivolgere?? Vorrei tanto che questa cultura si diffondesse anche qui in Italia..

Mi farebbe molto piacere promuovere, anche solo nel mio piccolo, questa magnifica forma di spettacolo nel nostro Paese!! Ti ringrazio! Spero che tu mi possa aiutare! Altrimenti, grazie mille ugualmente per il tuo lavoro..

Questo sito si arricchisce sempre di più, grazie a te (soprattutto!) e alle altre ragazze che lasciano sempre commenti pieni di messaggi importanti..Grazie a tutte!! Un forte abbraccio a Simona. Roberta

 

Cara Roberta,

grazie di pubblicizzare il mio sito e la filosofia Pin Up…Anche io sto scoprendo che gli uomini impazziscono per donne così sexy e optano per un ritorno alla sensualità femminile visto che molte donne sono dei veri e propri maschiacci…Ebbene sì, essere donne e femmine sembra un obiettivo a cui tutte non possiamo sottrarci. Per noi stesse e per chi ci sta accanto.

Pubblico la tua lettera perché molte sono appassionate di Burleque come te. Un’’arte che adoro e che ha reso famose molte Pin Up.

Dunque non credo che esistano scuole di burlesque ma c’è una ragazza che sta realizzando un video per iniziare a muovere qualche passo di questo ballo così sensuale. Ovviamente posterò tutto qui.

Mel frattempo ti indirizzo a un sito eccellente che tratta di Burlesque del mio caro amico Attilio Reinhardt, l’ambasciatore del Burlesque in Italia.

Il sito è Buleqsue.it http://www.burlesque.it/ ed è linkato al mio Woman Shop.

Troverai tutte le notizie più disparate legato a questo meraviglioso universo.

Ti segnalo, inoltre, una festa mensile al Connie Douglas di Milano dove Attilio organizza serate prestigiose Burlesque con le migliori artiste del mondo. Sono feste assolutamente uniche e piene di un erotismo retrò e raffinato. Troverai tutte le info nel sito.

Ti ringrazio di avermi scritto e continua a seguirmi.

Simona

pk.JPG

TEMPEST STORM SI SPOGLIA A 80 ANNI

b5518193395be821184f1d10360a8f05.jpg

 

 

Tempest Storm: La regina del Burlesque.

 

Non conoscevo bene Tempest, l’avevo vista in qualche video con Betty Page e mi era subito apparsa molto femmina, molto sensuale. Avevo notato il suo corpo perfettamente morbido, invitante, tipico degli anni ’50. E mi aveva colpito. Poi recentemente è apparsa una notizia che le riguardava e allora mi sono documentata. E mi è piaciuta ancor di più.

Sapevate che la signora Storm, ottantenne, si esibisce ancora nei suoi favolosi strip burlesque? Avete capito bene. A ottan’anni suonati si mostra ancora come mamma l’ha fatta e i suoi strip sono richiestissimi. Tutti la vogliono e tutti la cercano. Alla sua non verde età è sempre una maestra di seduzione. Ed i suoi spogliarelli restano un cult per il vintage erotico americano.

Eh si. Perché lei era una regina dello strip e lo è sempre. “Non è ancora arrivato il momento di appendere il tanga al chiodo – ammette – Troppi miei ammiratori rimarrebbero delusi. Il mio show dura sette minuti e per togliermi i vestiti mi bastano quattro mosse”.

E’ una tosta, la bellissima show girl di Las Vegas e sa ancora cosa vuole. Nemmeno l’età può fermarla. Perché è femmina dentro. E la sua femminilità è viva, pulsante, ruggisce ancora.

E in tutte le sue foto in cui appare anche nuda non è mai volgare. E’ spogliata con grazia, con garbo, senza apparire mai eccessiva o troppo sfrontata.

4d1b5ec6122b3ffa29285fa99beb41b1.jpgMi viene da ridere al pensiero di tante veline, velinette, starlette italiane che a venti anni non hanno nemmeno un quarto della sensualità e della fisicità della signora Tempest. Ridotte a gonfiare il seno e a ritoccare ogni parte del corpo e a campeggiare nude su calendari e riviste in attesa che qualcuno le noti e si accorga di loro. Che squallore. Quasi patetiche.

A mercanteggiare la loro bellezza per lavorare mortificando una femminilità che non hanno. Che non si può barattare. Perché o ce l’hai o non ce l’hai. Femmine si nasce e poi si diventa.

Il sex appeal è innato nel Dna e se non c’è non puoi inventartelo. Puoi metterti anche nuda ma non farai mai l’effetto di quelle donne a cui basta far cadere solo una spallina per essere irresistibili e diventare sex symbol. Vedi la Tempest o la Monroe.

Oppure basta alzare i capelli e sfilarsi un guanto per fare tremare i polsi degli uomini come l’atomica Rita Hayworth. Queste sono icone viventi. Donne che avevano tanta femminilità da fare impallidire eserciti di pseudo sex symbol di oggi. Erano donne di spessore, forti, colte, con grande personalità. Oggi chi abbiamo? Le straniere ignoranti che scappano dal loro paese per tentare la fortuna in Italia? Poi vengono da noi, trovano il pollo di turno che gli promette gloria e visibilità in tv se sono brave a riscaldare i loro letti…

Care lettrici ormai è così. Inutile fingere che le cose vadano diversamente.

97ffe05237e14d9fcaf6cba9fcaba2f6.jpgE ripensando a Tempest, al suo corpo statuario che darebbe mille giri alle donne dello spettacolo di oggi mi viene un sorriso ironico. Guardate le foto della Storm. Cosa vi trasmettono? Sensualità, opulenza, felicità, benessere.

Se guardate quelle della maggior parte delle Vip di oggi noterete che sono tutte cloni di sé stesse. Smagrite (per essere 50 chili anche a 50 anni…che ridicole..) spente, sorrisi forzati, super abbronzate e tutte con l’abito griffato per comparire sulle pagine dei giornali.

Non è triste questo? Nessuna diversa dall’altra. Nessuna con il viso veramente felice.

Non esistono più donne come le nostre Monica Bellucci e Sophia Loren. Belle, formose, felici e Star. Stelle. Senza apparire. Le avete mai viste fotografate alle feste di attori, compleanni di locali o party di agenti delle star? Quasi mai. Perché sono veri sex symbol e non hanno bisogno di apparire. Sono e basta. Solo perché esistono sono già icone.

E’ questo il vero essere femmine dalla punta dei capelli a quello delle unghie dei piedi. Ma quante ce ne sono così?…