BELLEZZA E BELLISSIME: LA LETTERA DI SARA

posta.gif

Care amiche vi  posto ciò che mi ha scritto Sara. Con la mia risposta. Il suo commento è scaturito dal video della Dove che ho postato nel blog: L’assalto..

“Bellissimo articolo.
Ma non sono daccordo con il commento di Simona.
Non è vero che un video così non lo vedremo mai in TV perchè trasmetterlo aprirebbe gli occhi a tante persone. Non credo che un semplice video se pur toccante potrebbe aver un tale efetto su un problema tanto serio.
E non è vero assolutamente che In TV l’argomento viene censurato, si parla spesso di anoressia/bulimia, certo non se ne puo’ parlare 24h su 24 come di tanti altri mali che esistono.

Il fatto è che parlarne o trasmettere 10, 100 video del genere non cambierà le cose. Ammettiamolo.

Sai Simona, tu fai presto a parlare. Oggi sei BELLA, BELLISSIMA.

Prova a farlo capire ad una di 150kg, brutta di viso e senza potersi permettere neanche una crema del supermercato. Fallo capire a lei che devi accettarsi, e che tanto,”quelle sui giornali non sono davvero così”.

Anche quando appaiono in TV non sono davvero così?

Basta con questa storia delle foto ritoccate. Le donne dello spettacolo saranno anche ritoccate in foto,ma sono CMQ bellissime.

NO ALLE PRESE IN GIRO!

Cercare di autoconvincere le ragazze “normali” che le BELLISSIME non esitono è sbagliato!

E’ UNA PRESA IN GIRO!”

Ed ecco la mia risposta..

Cara Sara,

 

 

il video ha un significato molto forte e non lo vedrai mai in tv che propone solo consigli e una serie di notizie per essere bellissime. La tv appoggia in pieno il mondo e l’industria della bellezza e non potrebbe mai darsi la zappa sui piedi…

I video posso aiutare a sensibilizzare….Se io a 18 anni avessi visto questo video avrei capito cose a me sconosciute e meccaniche che mi hanno portata a 20 anni di bulimia…

 

Altra cosa riguarda la definizione di donna in carne e NORMALE come tante che si aggira sui 65-75 chili a mio parere. Non sui 100 chili: in quel caso avrei parlato di donne obese. Io parlo di donne che con la taglia 46-48 oggi si sentono definire GRASSE. E non è così.

 

Io sono definita in carne, rotonda, peso 68 chili per 1,70. Non sono obesa, ovvio, ma non sono certo magra, fisico da modella e slanciato. Ho fianchi pieni, cellulite e i miei difetti che nel video non si notano ma ci sono. E ci convivo. Mi piaccio così. Sono orgogliosa delle mie curve come lo erano le Pin UP.

 

Il mio blog lancia questo messaggio: “Se avete la taglia 44-46-48 non sentitevi grasse o obese oggi ma siate orgogliose come lo erano le Pin Up che erano in carne ma non erano certo grasse (nel senso reale della parola)”. Cerco di riportare il concetto di NORMALITA’ per le taglie 44-46-48 e combatto chi asserisce che dobbiamo dimagrire per essere magre.

 

Riguardo alle donne dello spettacolo non le trovo bellissime come affermi tu. E non nel senso “naturale” della parola.

Sinceramente una donna che viene definita bella perché negli ultimi 6 mesi si è fatta la lipoaspirazione, botulino, ritocco al senno ecc per me non è bella.

Non realmente. Si diventa bambole finte senza il coraggio di mostrare con orgoglio un volto segnato o un corpo non più giovane. Si è belle grazie al bisturi. E scelgono questo solo le donne poco coraggiose e fragili come quelle della moda e dello spettacolo (non tutte per fortuna..)

La bellissima Anna Magnani, il cui volto segnato era il simbolo di una bellezza verace ed imperfetta, diceva: “Levarmi le rughe? Ci ho messo 40 anni per vederle sul mio viso e perché ora dovrei toglierle?”…Ecco una donna orgogliosa delle proprie rughe ed imperfezioni. Era sicura di sé stessa perché aveva un vissuto ed un’anima risplendente, altro che le Star di oggi…

 

 

E comunque in questo blog non propongo donne bellissime come fanno i media ma donne piene di curve, di carne, con cellulite e annessi. Ti pare poco=???…

 

 

Tutto qui. Questo è il senso del blog. Mi sa che ti era sfuggito…Un bacio

 

 

BELLEZZA E BELLISSIME: LA LETTERA DI SARAultima modifica: 2009-03-19T23:46:33+01:00da simona_sessa
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento