HO VISSUTO UN GIORNO DA PIN UP: RACCONTA DOROTHY KEDDY

 

 

IMG_3223.JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Interrompo la mia solita latenza blogghistica per parlarvi di un’esperienza che sognavo di fare da tempo: trasformarmi in una Pin-Up

Ho approfittato della fine della scuola (dunque del mio momentaneo stop lavorativo) per realizzare questo mio piccolo sogno nel cassetto, ossia lavorare con Simona Sessa e far parte della sua “fabbrica delle Pin-Up” andando a fare un servizio nel suo Show Room ad Ancona ed entrando a far parte della sua agenzia “Pin-Up del 2000″ (per chi non la conoscesse www.pinupdel2000.it è il suo sito, in cui si riassume quello di cui si occupa).

Ho avuto il piacere di conoscere Simona diverso tempo fa, intervistandola riguardo la sua attività per Dietologica.it, sito con cui collaboro occasionalmente, e l’ho sempre seguita con piacere, condividendo la sua battaglia per riportare in auge l’immagine di donne di qualsiasi taglia, con tutte le loro imperfezioni e la loro unicità: conoscerla di persona per me è stato fantastico, ammetto che ero molto emozionata ma lei si è dimostrata (non ne avevo dubbi) alla mano e simpaticissima (nonchè bellissima…ragazzi, è MERAVIGLIOSA!), mettendomi subito a mio agio.

Immagine2-253.gif
(Ecco le foto realizzate da Simona di Dorothy)

Ho vissuto quest’”avventura” con Roberta, una mia cara amica con cui tra l’altro recito da diversi anni, a sua volta amante dello stile retrò e del Burlesque, che mi ha accompagnato e sostenuto per tutto il tempo (grazie Roby :-*) approfittando con me il giorno successivo per fare un giro nel centro di Ancona.

L’atmosfera nello Show Room era davvero di altri tempi, tutto, dall’arredamento alla musica di sottofondo, riportava agli anni ’50 (meravigliose le pareti tappezzate con le foto delle Pin-Up fatte da Simona); Simona in persona, preparandomi per un servizio ispirato al Mago di Oz, si è occupata del trucco (splendido) e dell’acconciatura, che consisteva in delle trecce che richiamavano quelle di Judy Garland nell’omonimo film (e infatti, il mio nome da Pin-Up, scelto insieme a lei, è Dorothy Keddy :D).

I vestiti erano tutti della linea Pin-Up del 2000: top anni ’50, shorts alla marinaretta, guanti lunghi neri, scarpe di vernice stile Mary Jane, e anche le “scarpette di rubino” facevano parte della linea (che beeelleeeee).

Mi sono trasformata in un personaggio totalmente nuovo, divertendomi come una matta e vivendo un’esperienza che spero potrà portare ad interessanti collaborazioni (forse già alla fiera Vintage a Forlì) e inoltre visitando per la prima volta Ancona, trascorrendo due bellissimi giorni con Roberta facendomi dunque anche una mini-vacanza

Immagine2-272.gif

Aggiungo qualche foto del servizio, e qualche foto da turiste per caso fatte da me e Roberta in giro per Ancona 😉 (mi piace vedere la differenza tra il “prima” e il “dopo”…due persone totalmente diverse!), spero che vi piacciano!

 

Immagine2-404.gif

 

Immagine2-349.gif

 

HO VISSUTO UN GIORNO DA PIN UP: RACCONTA DOROTHY KEDDYultima modifica: 2012-06-10T13:37:09+02:00da simona_sessa
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento