RASSEGNA STAMPA

MODELLE MANGIANO FAZZOLETTI E BATUFFOLI PER NON INGRASSARE

Ormai siamo arrivati all’inverosimile…Leggete questo articolo. E’ raccapricciante vedere cosa si inventano le modelle per restare SCHELETRI !!!


Da Di lei attualità

832.jpg


Gambe e braccia che sembrano stecchini, visi scarni, pancia ultrapiatta o meglio ancora scavata, costole a vista: c’è solo un modo per raggiungere questi folli canoni di bellezza (se bellezza la si può definire). E cioè affamarsi, arrivando a nutrirsi di fazzoletti e batuffoli di cotone imbevuti nel succo di frutta per ingannare il corpo e far finta di essere sazie.

Lo racconta Kristie Clements, ex direttrice di Vogue Australia per 13 anni, nel suo nuovo libro denuncia intitolato The Vogue Facts.

La conferma di queste angherie arriva da una modella che ha vissuto queste cose sulla sua pelle. Il suo nome è Amy Lemons. Una collega russa che divideva l’appartamento con lei, per restare magra evitava i cibi solidi. È finita in ospedale.


Ecco tutto l’articolo:

http://www.dilei.it/attualita/modelle-mangiano-fazzoletti-per-non-ingrassare.html

559.jpg



BUONA LETTURA!!


Modelle mangiano fazzoletti per non ingrassare

Lo racconta Kristie Clements, ex direttrice di Vogue Australia per 13 anni, nel suo nuovo libro denuncia intitolato The Vogue Facts.

“Non è un libro-vendetta, non l’ho scritto per amarezza. Il tono del libro parla di quello che succede nel settore della moda”, ha sottolineato l’autrice in un’intervista alla CNN. Licenziata da Vogue senza alcun preavviso, è stata sostituita da Edwina McCann, prima direttrice di Harper Bazaar.

Una modella russa è finita in ospedale perché non mangiava più cibi solidi.

La fit model è un esempio da seguire per le colleghe. Il corpo delle fit model è usato da stilisti e atelier per modellare gli abiti. Un manichino in carne e ossa, insomma.


MODELLE TEDESCHE MA EXTRALARGE

1262793494341_article-1240720-07c2a58c000005dc-902_634x285_popup.jpg


Da il Messaggero.it


Pesare più di ottanta chili e guadagnarsi da vivere facendo la modella. In Germania è possibile. Non importa più essere bellissime e magrissime come Heidi Klum o Claudia Schiffer. Può bastare molto meno per realizzare il sogno di una vita.
Silvana Denker per esempio ha 28 anni, è alta 1 metro e 77 e pesa 84 chili. Posa davanti all’obiettivo dei fotografi ed è felice delle sue forme.

Der Spiegel online racconta che Silvana, quando aveva vent’anni, vide l’ago della sua bilancia sfiorare i 110 chili. Si sentiva grassa e insicura, finché non è riuscita a perdere 35 chili. Adesso lavora come modella e attrice. Quando va ai casting incontra ancora naturalmente colleghe dal corpo perfetto. Ma adesso vede le cose da un’altra prospettiva.

Se prima aveva dei dubbi su cosa fosse giusto fare, adesso pensa: «Perché dovrei dimagrire? Di recente ho dovuto addirittura ingrassare di cinque chili per un lavoro in Danimarca. Non ho alcun problema a mostrarmi in bikini – aggiunge – anzi, sono contenta di essere il modello delle donne normali».

Leggete l’articolo qui:

http://www.ilmessaggero.it/SOCIETA/PERSONE/modelle_sexy_ma_extralarge_lultima_idea_dei_supermercati_tedeschi_foto/notizie/260840.shtml

tedesche.jpg



LA DONNA PIU’ ANORESSICA DEL MONDO

Leggete questo articolo tremendo. Sono rimasta choccata…

valeria-levitina-prima-e-dopo.jpg


Non ho intenzione di insegnare a donne giovanissime come morire, continuo a ricevere e-mail di ragazze che mi chiedono metodi per perdere peso”, con questa frase Valeria Levitina si presenta al mondo e lo fa con la consapevolezza di una donna che era considerata da tutti molto bella, a tal punto da vincere la fascia di Miss Chicago nel 1994, e che oggi non ha nemmeno la forza per vestirsi.


Ha perso la sua vita Valeria, ha perso il sorriso, la voglia di vivere e la percezione che le cose vadano per il meglio quando sale sulla sua bilancia, un tempo adorabile amica e oggi uno dei suoi timori peggiori.

http://www.fanpage.it

Una legge contro le modelle troppo magre In Israele è guerra all’anoressia

Nuovo articolo pro Curvy che vi posto. Tratto dal Corriere.it e scritto da Viviana Mazza.

SamanthaValentine_4.jpg


GERUSALEMME – Troppo magra per la passerella. È quello che alcune modelle israeliane potrebbero sentirsi dire dopo il passaggio di una nuova legge che, dal primo dell’anno, ha bandito dalla pubblicità le donne (e gli uomini) con un indice di massa corporea inferiore a 18,5 (il tasso usato per identificare la malnutrizione dall’Organizzazione mondiale della sanità).

L’INDICE CORPOREO-Il mondo della moda è da tempo accusato di spingere le giovani all’anoressia idealizzando esempi di bellezza di una magrezza innaturale, ma non c’è accordo tra i vari Paesi su come affrontare il problema.

Israele, dove il 2% circa delle ragazze tra i 14 e i 18 anni soffrono di gravi disturbi alimentari (un tasso simile a quello di altri Paesi sviluppati secondo gli esperti), è il primo Stato a stabilire per legge che l’indice di massa corporea (il rapporto tra peso e altezza) di chi posa per la pubblicità non debba essere inferiore a 18,5. Se per esempio una modella è alta 1 metro e 72 non potrà pesare meno di 54 chili.


Il resto potete leggerlo direttamente alla fonte:

https://apps.facebook.com/corrieresocial/esteri/13_gennaio_02/israele-al-bando-pubblicita-donne-troppo-magre_9cd6283e-54e8-11e2-bf2b-52f2ccd54966.shtml

Pesava 78 chili e adorava le bistecche Ecco la donna perfetta nel 1912.

Per la rubrica rassegna stampa vi segnalo gli articoli più interessanti del web sul mondo curvy! Buona lettura.

 

Da il “Corriere.it” del 1-1-2013

elsie-rebecca-scheel-perfect-woman.jpg

Un articolo descriveva la figura femminile ideale: era Elsie Sheel, 24enne che amava le automobili e l’orticultura

MILANO – La donna perfetta nell’America del 1912 veniva considerata la signorina Elsie Rebecca Sheel, da Brooklyn, di statura piuttosto alta, sovrappeso (per i canoni odierni), amante dell’orticoltura e appassionata di automobili. Le sue misure venivano ritenute simili a quelle della Venere di Milo e la sua corporatura, invero piuttosto robusta, una garanzia di salute mentale e fisica. Era stata eletta tra altre quattrocento fanciulle della Cornell University da un medico (tale dottoressa Esther Parker), che aveva giudicato con occhio sapiente e la giusta formazione professionale le ragazze candidate, ritenendo che i criteri di perfezione fossero ben impersonati dalle misure di Elsie.

 

LA STAMPA DELL’EPOCA – Il Sunday Morning Star la proclamava all’alba dell’ormai lontanissimo 1913 la donna perfetta eleggendo i suoi canoni estetici un esempio di avvenenza e charme per tutte le donne dell’epoca. Ora la foto di questa ventiquattrenne di inizio secolo fa il giro della rete e ci ricorda ancora una volta quanto siano ondivaghi e cangianti i criteri di bellezza dell’umanità. Dalla Venere di Botticelli ad Ava Gardner, da Brigitte Bardot alle giunoniche modelle anni Ottanta, dalle androgine e anoressiche top model del terzo millennio all’esplosiva Marylin Monroe, per poi tornar nuovamente all’eleganza minimal e alla bellezza eterea di Audrey Hepurn o alla chioma e al sorriso esuberanti di Julia Roberts, passando per le maggiorate anni Sessanta e finendo con l’emaciata Kate Moss. La bellezza femminile ha seguito le mode e la cultura, adeguandosi non solo al cambiamento dei gusti, ma soprattutto delle condizioni di vita.

Leggete tutto l’articolo qui:

http://www.personaedanno.it/index.php?option=com_content&view=article&id=32171

Emanuela Di Pasqua

UNO SPECIAL SU DI ME E SUL CALENDARIO SU SKY.IT

sky.jpg

Grandioso! Finalmente anche il sito Sky.it ha pubblicato diversi articoli sul mio calendario e su di me. Sono felice di annunciarvi che siamo approdate sulle patinate pagine di questo sito molto bello e curato.

IMG_9178.jpg

Iniziamo da me…E’ uscito l’articolo special su di me nel sito di SKY.it con intervista esclusiva e fotogallery con 36 foto..

C’è il richiamo nell’ Home page. Si parla di me, di donne con le curve e taglie “carnose”.


Un’altra vittoria per tutte noi Pin Up del 2000. Ve l’avevo detto che vi po
rtavo lontano?

 

L’articolo lo trovate qui:

http://mag.sky.it/mag/life_style/2010/10/22/simona_sessa_pin_up_intervista.html

La gallery è qui:
http://mag.sky.it/mag/life_style/photogallery/2010/10/22/simona_sessa_pin_up.html

 

copertina-bassa.jpgGiorni fa è uscito anche il richiamo del calendario Pin Up del 2000, ideato da me e realizzato dalla mia associazione culturale Pin Up del 2000 che combatte anoressia e bulimia.

 

 

E’ stato inserito tra i migliori calendari del 2011 dallo Staff di Sky.it

 

 

 

 

 

Trovate qui lo spazio dedicato:

http://mag.sky.it/mag/album/speciale_calendari_2011.html

E qui la fotogallery del calendario sempre su Sky.it:

http://mag.sky.it/mag/life_style/photogallery/2010/10/13/calendario_pin_up_del_2000.html

Altra pagina a me dedicata da Più, un giornale di Ancona che parla di me e sempre del calendario.

simona.gif

GLI UOMINI SONO ATTRATTI DALLE FORMOSE: SONO COME UNA DROGA

gi6mv3wfuv3jigmv.jpg

Salve a tutti,

 

voglio postarvi questo bellissimo articolo che chiarisce una volta per tutti i gusrti degli uomini in termini di donne. amano le donne formose che per loro sono come una DROGA.

Leggete.

Dal Giornale di sicilia.it

Gianna_Michaels.jpgSecondo una ricerca americana il maschio percepisce questo tipo di fisico come il più adatto a generare una prole in buona salute

 

Credo che ogni altra cosa aggiunta sia superflua. E’ da sempre così e lo sarà per sempre. E questo nessuno stlista al mondo può cambiare questa felicissima realtà.

Altro che il fisico esile alla Kate Moss: l’uomo è attratto dalle curve, al punto che vedere una foto di una donna formosa aumenta l’attività dei centri del cervello legati alle ricompense, gli stessi attivati dalle droghe. È il risultato di uno studio dello statunitense Georgia Gwinnett College pubblicato da Plos One.
Per lo studio è stato chiesto a 14 uomini di circa 25 anni di guardare delle foto di donne prima e dopo un intervento di chirurgia estetica che ne ha aumentato le forme senza variare il peso corporeo. Monitorando l’attività cerebrale dei soggetti è emerso che le curve più sinuose aumentavano l’attivazione dei centri legati all’elaborazione delle ricompense, il nucleus accumbens e la corteccia cingolata anteriore, gli stessi che vengono “eccitati dall’assunzione di droghe”.
Le curve sono la carta vincente – afferma al quotidiano Atlanta Journal Steven Platek, l’autore della ricerca il quale  nell’intervista rivela anche che non è stato difficile trovare i volontari da studiare – e questo è dovuto al fatto che l’uomo percepisce questo tipo di fisico come il più adatto a generare una prole in buona salute“.

Il NUOVO EVENTO BURLESQUE: LE RAGAZZE LEGGONO NUDE

09192005_fandance2.jpgSalve ragazzi oggi vorrei parlare e commentare questo articolo apparso su Repubblica sul nuovo fenomeno di costume Burlesque.  Lo spettacolo-evento di giovani donne bellissime e svestite
Un fenomeno che sta dilagando in tutti gli Stati Uniti.
Ragazze nude che leggono libri
ma ad alta voce, al pubblico pagante.

L’inizio dell’articolo è questo:

 Luci basse e ambiente intimo. Pochi tavoli intorno al piccolo palco, una ventina di persone come pubblico e un divano sistemato al centro della scena. Lì, morbidamente, siede una ragazza dai capelli mori e lunghi. In mano ha una copia del libro “Candido o l’ottimismo di Voltaire” e per gli spettatori legge alcuni passi. Ad alta voce. Completamente nuda.

Si chiama Michelle l’Amour ed è la fondatrice delle Naked Girls Reading (http://nakedgirlsreading. com), letteralmente ragazze nude che leggono. Ed effettivamente lo spettacolo evento che sta facendo parlare gli Stati Uniti, altro non è che un gruppo di ragazze nude, bellissime e spesso già note dal pubblico del burlesque, che leggono ad alta voce pagine tratte dai romanzi scelti in base al tema della serata”.

Per leggere tutto l’articolo andate qui.

http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2010/01/15/news/nude_alla_lettura-1963455/

193404679-66069ba6-073f-4ab5-a552-803b2a497f73.jpgOra molte di voi mi hanno contattata chiedendomi un parere sulle donne completamente nude. E voglio darvelo…Come ho scritto nel libro Pin Up del 2000 penso che la nudità via volgare. Volgarissima.

Guardando qua e là tra i programmi tv di massa e i calendari delle starlette di oggi mi viene un senso di depressione totale….

Corpi completamente nudi sbattuti in faccia alla gente, seni ipergonfiati e fisici trasformati dal chirurgo che sembrano creati per il mercato della prostituzione. Oche giulive felici di fare calendari nude perché il “nudo è artistico”…. Sarà artistico ma il troppo è volgare.

Certe immagini sguaiate possono piacere sono alle categorie più popolari….Insomma l’erotismo è diventato sinonimo di sguaiatezza, di ostentazione e di carne o meglio di silicone al vento.

Così si ritoccano in molte per farsi fotografare e per proporsi a chi conta nel mondo dello spettacolo. Ormai pur di lavorare, di apparire molti sono pronte a svendersi, a fare cose in nome di un successo effimero o consolidato. E per farlo ecco che il nudo e le trasgressioni possono essere l’unica chiave di accesso immediata. Sarà ma così la donna diviene puramente un oggetto sessuale ed il cervello risulta così mortificato ed annullato ancor più.

Quale donna che si ama realmente può abbassarsi a tali porcherie?

Badate che ho 40 anni e mi ritengo una donna passionale ma a certi compromessi con il mio corpo non mi sono mai abbassata. Compreso quando sono andata a Roma per tentare di lavorare nello spettacolo e ho capito che per farlo dovevo passare per una serie di letti. Più o meno importanti…

Sono tornata a casa a mi sono trasferita ad Ancona dove mi sono messa a fare la giornalista e a ricominciare da 0.

E per quanto sono un personaggio tv conosciuto e nell’occhio del ciclone non farei mai un calendario nuda ma lo farò sexy. Da Pin Up.

Che belle le foto di quelle Pin Up in intimo sexy, con calze autoreggenti e trasparenze ovunque. Fantastico quell’effetto vedo non vedo…

Il seno stretto tra laccetti e bustier. Quello è vero erotismo che piace agli uomini.

La carne buttata in faccia vi assicuro che non è mai piaciuta ai maschietti. Loro sono celebrali. Vogliono vedere, immaginare, scoprire…

bordello1.jpgEcco perché riguardando le foto di Betty Page e di Marilyn non posso far altro che restare senza fiato…E io sono donna…

Sorrisi seducenti, calze a rete, spacchi strategici, scolli sexy e reggiseno maliziosi.

Eh sì che le Pin Up restano nell’immaginario collettivo le più sexy, loro si che conoscevano i segreti della vera seduzione. Che ammaliavano con un sorriso.. Sensuali ma mai volgari.

Se lo capissero tante sciacquette della tv allora ci eviterebbero il triste spettacolo di tanta carne nuda, ritoccata  e assolutamente finta.

Uno spettacolo che sarebbe meglio ci evitassero….

SPAGNA, NO A SPOT CHE PROMUOVONO IL CULTO DELL’IMMAGINE

Logo_2.jpg

Ragazze nella rassegna stampa di oggi ecco una bella notizia..Peccato che la Spagna sia sempre avanti a noi e l’Italia fanalino di coda in tema anoressia e bulimia…

Leggete.

MADRID – Dopo gli spot pubblicitari di tabacco e alcolici, ora anche quelli che promuovono prodotti dimagranti o interventi di chirurgia estetica saranno vietati in tv, in Spagna, durante l’orario di protezione dei minori, dalle 6 alle 22.

La misura fa parte di un emendamento presentato dal gruppo socialista all’articolo 7 della Legge generale della comunicazione audiovisiva, in discussione oggi alla Commissione costituzionale del Congresso.

Nessuna catena televisiva, secondo quanto anticipa oggi El Pais, potrà trasmettere annunci pubblicitari che promuovono il culto del corpo, che suscitano “il rifiuto dell’immagine di sé”, incitando all’emarginazione sociale “per la condizione fisica” o al successo “per fattori di peso ed estetica”.

La misura inciderà pesantemente sul settore pubblicitario, dal momento che gli spot di bellezza e igiene sono al terzo posto per volume di fatturato annuo, con oltre 500 milioni di euro, secondo l’elenco di investimenti relativi al 2008, redatto dalla società InfoAdex.

L’obiettivo della restrizione è combattere ogni pubblicità che possa suscitare nei minori disturbi come bulimia o anoressia.

La misura rientra nelle norme destinate alla protezione dell’audience infantile, durante l’orario protetto, da tutti i contenuti che possono pregiudicare lo sviluppo fisico, mentale o morale dei minori.

La legge della comunicazione audiovisiva vieta inoltre l’emissione in aperto di programmi con scene di pornografia o violenza gratuita nell’orario di protezione infantile.

Dallo scorso 1 gennaio in Spagna è in vigore il nuovo modello di finanziamento della televisione pubblica, senza pubblicità, che nel primo settimana dell’anno ha garantito la leadership assoluta della 1 rete di TVE, con un 20,3% di media dello share, rispetto al 16,4% con cui aveva chiuso il 2009.

(ANSAmed)

QUESTO SARA’ L’ANNO DELLE DONNE MORBIDE E ROTONDE

1262793494341_article-1240720-07c2a58c000005dc-902_634x285_popup.jpg

 

Leggete questo articolo pubblicato oggi su Sei di Moda. Stupendooo

 

“In passato ci aveva provato la Dove a fare una campagna pubblicitaria con donne normali. Ma non era bastato a cambiare le cose: Kate Moss è sempre un’icona e Ralph Lauren ha di recente ritoccato una modella per la sua pubblicità fino a renderla innaturale.

1262793494613_article-1240720-07c2a590000005dc-389_306x477.jpg

Per non parlare di Demi Moore, che non ha esitato a farsi amputare un fianco con Photoshop per apparire magra o dei proclami di Karl Lagerfeld a favore della taglia zero. Però si è capito che la tendenza stava cambiando quando Beth Ditto, voce extralarge senza complessi dei Gossip, è diventata un’icona fashion.
Insomma, con qualche sforzo il modello vincente “pelle e ossa” potrebbe tramontare. Lo dimostra il numero speciale delle rivista di tendenza V Magazine. The Size Issue mostra per la prima volta modelle debordanti, con curve e abiti super sexy. Corsetti di Dolce & Gabbana, lingerie di Agent Provocateur, costumi di Gucci indossati fieramente sopra a pance prominenti, fianchi generosi e maniglie dell’amore. 

Possiamo dunque considerarci definitivamente fuori dalla schiavitù della taglia zero? Purtroppo la strada è lunga e difficile, ma siete davvero convinti di mettervi a dieta dopo le feste?
Fotografo: Solve Sundsbo – Styling: Nicola Formichetti – Modelle: Candice Huffine, Marquita Pring, Michelle Olson, Tara Lynn, Kasia P. “

Il servizio apparirà su V magazine, in vendita dal 14 Gennaio www.vmagazine.com

1262793494423_article-1240720-07c2a580000005dc-778_306x453.jpg
Il video del servizio fotografico è qui: