Senza categoria

SARA E VALERIA MANGIATE DALL’ANORESSIA

 

Due ragazze scelgono di non mangiare e di farsi consumare fino all’osso. Sara non ce l’ha fatta, Valeria è ancora in vita a combattere contro il suo male con soli 25 chili di peso. Due persone che digiunano sono state letteralmente MANGIATE, DIVORATE dall’anoressia.

Sono due casi limite che mi hanno fatto riflettere tanto e che mi hanno fatto male. NOn avevo mai visto nessuna anoressica arrivare a pesare soltanto 25 chili e devo dire che mi ha fatto impressione. Non solo per l’aspetto fisico devastato dal male ma soprattutto per la furiosa voglia di perdere peso che le ha distrutte. 50 chili in due. Fa impressione vero?

Ridotte a due scheletri ambulanti hanno fatto parlare di sè in punta di morte. Sara si è suicidata e non ce l’ha fatta. Valeria sogna una famiglia con dei figli ma sa che in quella grave condizione è praticamente impossibile. E allora il sogno resta nella sua testa.


 

320980_476255009098683_1419304962_n.jpg


E’ impressionante vedere la loro immagine prima di ammalarsi: due bellissime ragazze NORMALI che qualcuno o qualcosa ha fatto passare per grasse. Valeria che ha vinto un concorso di bellezza si è ammalata perchè pesando circa 60 chili è stata apostrofata da alcuni addetti ai lavori del mondo dei concorsi come una “ragazza con molta carne sulle sue ossa”. DA quel giorno queste parole hanno risuonato talmente forte nella sua testa da deiderare di essere magra, e poi sempre più magra fino all’osso!

E Sara, invece, bellissima ragazza mora si è trascinata il suo male a causa di una delusione d’amore e di altri traumi che le hanno poco a poco fatto perdere la ragione. Dimagrire era la sua ossessione: era arrivata al punto di sputare la saliva pensando che facesse ingrassare…Terrificante solo pensarlo…

E se la guardate nel filmato concedersi un cappuccino alla macchinetta e berlo con una gioia tipica di un bambino capirete tutto il suo dramma. Quello che si è tolta non è solo l’alimentazione ma soprattutto la vita. Una vita che aveva il sapore della magrezza estrema che l’aveva ridotta a mendicare ed a camminare non riuscendo più a reggersi indietro.

Vi invito a vedere i video delle due ragazze ed a riflettere. Come ci si può ridurre così in nome della magrezza? Ma magrezza di cosa? Solo del corpo o anche di cervello, di idee, di voglia di vivere, di amore?

Riflettete è forse questa la magrezza che ha ucciso Sara e sta uccivdendo Valeria?

QUI GUARDATE IL SERVIZIO SU SARA MANDATO IN ONDA DALLE IENE

http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/368659/toffa-morire-danoressia.html

ALLA RICERCA DELLA VITA E DELLA LINEA PERDUTA

IMG_9178.jpg

Cari amici  sono qui a riflettere..

E a voler spiegare alle donne una cosa molto importante. Il corpo di una donna si trasforma dal momento che nasce al momento che muore.

In gioventù siamo tutte magre, pelle tonica e atletiche (tranne alcuni casi) ma mano a mano che procediamo dai 30 ai 40 e poi ai 50 il corpo subisce svariate trasformazioni tra cui l’aumento di peso. Un aumento spesso seguito da gravidanze e dal passaggio da donna a madre. Questo non è certamente un problema o un deve diventare un complesso per tante.

E’ normale pesare 55 chili per molte da giovane e poi arrivare a 70 e passa dopo gli anta. E lo è ancora di più se la gravidanza ci ha regalato dei chili in più. Chili che per molte sono un toccasana: arrotondare le curve è un valore aggiunto molto importante. Ma per tante già formose prima del parte è un dramma?

Capisco che la società impone donne stecchino ma la natura sa certamente il fatto suo. E’ la natura che trasforma il nostro fisico di mamma in un cumulo di curve generose e l’effetto visivo è decisamente positivo. Molte si trasformano in meglio e finalmente sono anche più apprezzate dai partner.

E la circonferenza vita dopo aver partorito ahimè non tornerà mai quella di prima. Mettetevelo in testa senza essere tristi. Ancora una volta è la natura: che ci rende gravide, mamme e poi donne “di pancia”. Dai 75 cm di girovita arriviamo agli 85-90 in su. E purtroppo è così per tante.

Ma allora perché tanta tristezza? Perché sofferenza per un evento così importante che ci cambia la vita (e la circonferenza vita?).

Siamo mamme e ne è valsa la pena. Sempre. Siamo state create per generare non per essere modelle con 65 cm di girovita. Molte se ne accorgono dopo aver avuto un figlio e sono tristi, dimesse. Io invece ne sono fiera. Ho dato alla luce il mio bimbo e ne è valsa la pena.

Non avrò un vitino da vespa ma sono una donna forte, consapevole del mio ruolo e felice di lottare ogni giorno per me e per lui. Pensate sempre a quello che siete ed amatevi per come siete. Poi c’è sempre l’abito che riesce a mimetizzare il difettuccio no?..

Meditate gente…

GRAZIE A TUTTI E BUON 2013

 

2013.jpg

 

 

Care amiche ed amici,

 

vi scrivo per innanzitutto augurarvi un Buon anno e la chiusura di questo 2012 che per molti non è stao positivo.

Ma sono qui anche per dirvi che quest’anno sarò più presente qui con i miei scrittti. Purtroppo nel 2012 ho avuto tanto da fare tra lavoro ed il mio bimbo di 2 anni che ora sta finalmente crescendo. Perciò mi troverete ogni giorno qui, con voi.

Vi annuncio nuove rubriche “Pin Up del 2000” con le foto delle mie Pin Up e delle frasi pro curvy che spero vi facciano riflettere. E l’altra Sartoria Pin Up del 2000 con le foto e la descrizione delle creazioni che facciamo presso la sartoria vintage, ormai conosciuta in tutta Italia.

E poi foto, notizie, materiale di ogni tipo, dal web sul mondo di noi formose. Insomma tante novità. Inoltre volevo ringraziarvi per essere stati sul mio blog a leggere, commentare ed a esserci.

Il blog ormai è uno dei più accreditati del mondo curvy con tantissime visualizzazioni in ogni mese. E nel 2012  ha totalizzato ben 247.043 mila visite!

 Grazie. Vi voglio bene!

Buon anno a tutti!!!

 Simona

 

 

_MG_3832%20copia%20copy.gif

 

ELEONORA COLANTONI E’ MISS PIN UP ELETTA DAL PUBBLICO

Immagine2 427.jpg

 

Elenora, mora e curvy

 
seno:100 cm vita:76cm fianchi:96 altezza:164 cm

segno zodiacale
cancro

Perchè hai partecipato a MIss Pin Up?
“Come tutte le grandi scoperte, anche questa è avvenuta per caso, spiega Eleonora-. In effetti, quando circa 5 mesi fa il mio ragazzo mi rese consapevole dell’iniziativa di Simona e del suo concorso io ero perfettamente estranea a questo mondo così fortemente anni 50’, anzi diciamo che mi ero sempre ritenuta una spettatrice curiosa e piuttosto nostalgica di un mondo, di un’epoca e di un modo di pensare che nel mio modo di essere e di apparire mi è sempre appartenuto; il punto era che, per una volta,almeno una volta nella mia vita avevo l’opportunità di mettermi sul palcoscenico, di salire dalla platea.

Immagine2-073.gif
 
 
 
E così, tra perplessità e qualche inscurezza,dopo aver fatto un bel bagno di autostima mi sono decisa a fare le foto e a partecipare.
 
 
Bè, dovendo essere del tutto sincera,devo dire che la spinta decisiva mi è stata data dal fatto che si trattasse di un concorso volto non solo alla sensibilizzazione verso malattie legate al cibo, ma che si proponesse di riscoprire il bello delle curve, perché, e ne sono seriamente convinta,non c’è donna e non c’è femminilità se non ci sono curve”.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Immagine2-065.gif

 

Immagine2-041.gif

BEATRICE BLOSI E’ LA MISS PIN UP 2012 ELETTA DALLA GIURIA

 

Immagine2-437.gif

 

Beatrice, doveva dimagrire per diventare modella

seno: 89 cm, vita: 62 cm, fianchi 103 cm, altezza: 1.77 cm
segno: Vergine
“Due anni fa ho provato a lavorare come indossatrice e modella ma appena mi sono avvicinata ad un’agenzia mi sono sentita dire di dover perdere una paio di taglie per poter essere accettata: allora, come adesso, la mia taglia era una 44; naturalmente ho rifiutato e da quel momento ho cominciato veramente a riflettere sull’influenza che la moda sui canoni estetici moderni”.
Dopo questa esperienza ha deciso di approcciare quindi il mondo del Vintage, per il quale sua madre le ha trasmesso una grande passione, e nel quale il corpo femminile è assolutamente protagonista. Per questo ha deciso di partecipare a Miss Pin Up, un concorso nel quale non contano i centimetri o i kg, e nel quale le partecipanti sono simboli della lotta contro gli standard.

 

Immagine2-291.gif
“Morbido è bello, spiega Beatrice, ed è fondamentale che alla base di questo concetto vi sia l’accettazione delle proprie burrosità e, perchè no, dei propri difetti. Sono questi a renderci uniche e bellissime!!
E’ stata una grande sorpresa vincere, e sia io che mia madre siamo state felicissime; ora sono entusiasta dell’occasione avuta e curiosa di posare per il servizio fotografico offerto da Simona Sessa.
Spero di non esser tacciata di ipocrisia nell’affermare la mia ferma convinzione nella bellezza curvy in quanto “magra”, ma credo che il ruolo di Miss Pin Up, come quello dell’agenzia Pin Up del 2000, sia quello di portare avanti una campagna e dei valori (che sento miei).
Vi ringrazio dunque per l’opportunità di poter esserne testimone attiva”.

 
 
 
 

Immagine2-365.gif

 

Immagine2-381.gif

 

PIN UP DEL 2000 ALLA FIERA VINTAGE DI LA SPEZIA

 

Senza titolo-1.jpgRagazzi volevo avvisarvi che sabato 1 e domenica 2 Dicembre il mio staff Pin Up del 2000 approderà alla Fiera Vintage di LA SPEZIA. Chiunque volessa venirci a trovare deve cercare lo stand PIN UP DEL 2000.

Nel nostro stand trovere tanti articoli vintage, Pin UP e Burlesque del sito www.womanshop.it materiale pubblicitario e l‘angolo di trucco e parrucco Pin Up e Burlesque con Teresa e Letizia.

A darvi il benvenuto le sexy Nicol e Samantha che vi accoglieranno nello stand più vintage d’Italia.

E per tutti lezioni di Burlesque sia di mattina che pomeriggio di sabato e domenica con la rossa Samantha.

Io non ci sarò ma sarò con voi in contatto via sms, facebook e telefono.


Per tutti coloro che vogliono venire ecco le info della fiera.

Si consolida con un nuovo appuntamento la FIERA DELL’ELETTRONICA di La Spezia www.prometeo.tv/elettronicaspezia giunta alla terza edizione, l’1 e 2  dicembre nei moderni locali dello Spezia Expò.

Espositori provenienti da tutta Italia proporranno prodotti che spazieranno dai consumabili per pc ( Dvd e Cd vergini, cartucce per stampanti e kit di ricarica), pc nuovi e usati, periferiche, lettori multimediali, apparecchiature radio, attrezzature fotografiche,  telefonia, giocattoli e gadget elettronici e tanto altro ancora.

261957_450333285009595_493707066_n.jpgRispetto ai megastore di distribuzione elettronica verranno offerti prodotti di grande qualità a prezzi incredibili, è proprio il caso di dire “Hi teck  low cost”.

Sarà inoltre presente la sezione A.R.I. Associazione Radioamatori Italiani di La Spezia con uno stand dove poter ammirare in mostra una stazione radio operativa ed attrezzature d’epoca.

In contemporanea si svolgerà la prima edizione di SPEZIA VINTAGE www.prometeo.tv/speziavintage fiera dedicata all’abbigliamento ed agli accessori appartenuti al secolo scorso. SPEZIA VINTAGE è dedicata anche a oggetti della memoria e alle curiosità del passato: piccoli antiquari e collezionisti espongono vinili, abbigliamento, bigiotteria, latte d’epoca, giocattoli, radio e giradischi, ecc. per fare un salto indietro nel tempo in un’atmosfera da marchè-aux-puces. Oggi l’abbigliamento vintage offre la possibilità di creare uno stile personale, ricercato e vivace.

A rendere più frizzante l’atmosfera in fiera è la presenza dell’Associazione e dello staff Pin Up del 2000 di Simona Sessa www.pinupdel2000.it con l’angolo per donne con le curve, con Nicol, Samantha Vixen & angolo trucco e parrucco vintage Pin Up e Burlesque con Letizia e Teresa.

 

69095_4415486876705_798345684_n.jpgNella manifestazione che complessivamente prende il nome di IDEA REGALO è previsto anche un ampio spazio dedicato all’ARTIGIANATO con un mercatino dove poter trovare oggetti prodotti con cura per un regalo unico.

 

TRE FIERE IN UNA PER I VOSTRI REGALI DI NATALE

 

L’orario della manifestazione sarà 9,30 – 19,00 sia per il sabato che per la domenica. Il biglietto d’ingresso intero costa 6,00 euro, 5,00 il ridotto. Lo Spezia Expò www.speziafiere.it si trova in Piazza Piero Pozzoli (navigatore: Via della Pianta), con ampi parcheggi adiacenti gratuiti.

Per ulteriori informazioni  info@prometeo.tv  tel.0571-22266 cell.333-4639609

LA POSTA DI SIMONA

posta.jpg

Cara Simona,

mi chiamo Alessia, ho 29 anni e sto affrontando un periodo di grande crisi.
Sono una ragazza definibile “Pin Up del 2000”, ho un viso molto bello, sono alta 1.70 e peso quasi 70 chili. Ho seno e sedere abbondanti, vita stretta e capelli lunghi. Sono molto femminile e gli uomini non sono mai mancati, ora sono sposata da 2 anni.
Faccio l’insegnante, lavoro con i bambini e sono molto felice tutto sommato della mia vita.
Eppure continuo a soffrire quando mi confronto con le ragazze magre, continuo a sentire il disprezzo della società verso noi donne più formose. Porto la 46, ora questa taglia è definita “over”, una volta era semplicemente una taglia normale, le over erano altre!
Per pesare 10 chili di meno ed essere finalmente magra dovrei patire troppo, oltretutto non è la mia natura, penso che il mio fisico sia così naturalmente perchè nonostante tutti gli sforzi che faccio non riesco a dimagrire più di tanto. E alla fine non lo voglio così tanto, altrimenti ce l’avrei fatta, in qualche modo, ad essere più magra.
Quello che mi chiedo è perchè questa società continui ad assottigliare l’immagine della donna. E’ logico che poi gli uomini desiderano quel tipo di donna lì, magrissima e ventenne. E per colpa di tutto questo io non riesco ad accettare il mio corpo e soffro.

Soffro perchè gli unici abiti che mi starebbero bene, da femme fatale, tipo i tuoi, non posso certo mettermeli, perchè non fanno parte della mia personalità, mi sentirei a disagio, il mio stile è semplicemente diverso ma ho l’impressione che jeans e magliette stiano bene solo alle magre.
Vorrei iniziare a fare pace con me stessa ed accettare il mio corpo, essere orgogliosa delle curve ma non ci riesco. E’ come se mi arrendessi pensando che in fondo le magre sono sempre quelle che vincono e agli uomini piacciono loro.
Tu che hai iniziato questo percorso prima di me e lo hai concluso… come mi puoi aiutare?

Alessia

Ciao Simona,

ho trovato il tuo sito per caso,cercando qualcosa sulla seduzione,mi hanno colpito alcune delle lettere che hai ricevuto e a cui tu hai dato risposta.
Mi chiamo Sonia e sono in forte sovrappeso non porto assolutamente una taglia 46 e mi considero grassa purtroppo il mio peso va molto oltre la 46 insomma devo indossare taglie calibrate,in questo periodo sono a dieta e ho già perso 16 kg (ne devo perdere molti altri,almeno 20)

il problema è che il mio ragazzo non è soddisfatto di me…vorrebbe vedermi più sensuale,ma il problema è che non avendo avuto molti ragazzi io non so nemmeno da che parte sta la seduzione e non so davvero come comportarmi,non so cosa potrebbe andarmi bene o male.

Mi sono sempre considerata brutta, so che ho un bel viso e ho sempre cercato di valorizzare  quello ora il problema che si pone è che non so proprio come valorizzare il resto del mio corpo senza sembrare un pagliaccio o cascare nel ridicolo..mi sento davvero molto molto triste,quando lui mi fa questi “appunti” io mi sento svilita,non amata,non apprezzata ma so che mi ama è solo che non so dove sbattere la testa…
Ti supplico ho bisogno di una dritta…
Ti ringrazio in anticipo per la risposta e ti auguro una buona giornata
Un saluto
Sonia

Care Alessia e Sonia,

leggete il post di sotto…è dedicato anche a voi…Alessia sono alta come te 1,70 e peso 72 chili ora. Guarda le mie foto e datti una risposta.

Guardatevi realmente con i vostri occhi senza fantasticare su taglie mini che sul vostro corpo non renderebbero.

E Buona Fortuna…


Simona

MI AMO COSI’ CURVY E CON CELLULITE!

 

Immagine2-269-copia.gif

Care amiche è da un po’ che non riesco a postare ma ora lo faccio con una spinta ed una carrica incredibile. Scrivo e posto le mie foto per rispondere a molte lettere di voi ragazze che vi sentite grasse con le vostre taglie curvy.

Voglio farvi rifleettere: guardate le foto scattate qualche giorno fa. Sono io con il mio nuovo look e con il mio corpo morbido che sto modellando in palestra. Mi trovate bella? Ebbene peso 72 chili, ho cellulite sulle gambe che mostro con orgoglio in una foto e ho una bella pancia post gravidanza.

Per molte dovrei rifarmi tutta per essere perfetta. Ma non per me. Io mi sento perfetta e anche per molte persone che vedono le foto è così…Eppure non peso 54 chili, non porto la 40-42 e non ho pancia piatta…E’ così…Sono me stessa semplicemente e mi amo. Amandomi poi riesco a trasmetterlo ad ogni cm della mia pelle e le foto sono la prova di ciò che dico.

Vedete come sono felice, orgogliosa e serena? Ebbene lo sono, nonostante non sia magra. E se lo fossi non mi piacerei perchè io adere le mie curve, il mio corpo formoso ed imperfetto. Perchè è il mio. Solo mio e uguale a nessun altro. Quindi è unico. E l’unicità lo rende perfetto ai miei occhi.

Immagine2-266-copia.gif



Credo che se riuscirete ad amarvi come ho fatto io guarderete le modelle e direte: “Non vorrei mai essere così”…

Pubblico le due lettere che seguono e la mia risposta è questa lettera.

Come ho fatto ad amarmi così?

La palestra, il cardio fitness, mi hanno aiutata molto. MA NESSUNA DIETA. Mangio tutto, anche i dolci e che goduria!! Il mio metabolismo è aumentato solo grazie alla palestra. Perciò iscrivetevi e iniziate a mangiare tutto. Il vostro corpo vi ringrazierà.



E sotto con la mia amata cellulite che rende le mie gambe sexy e vissute :)))

Immagine2-267-copia.gif

MISS PIN UP: LA FINALE DEL CONCORSO il 23 SETTEMBRE ALLA FIERA VINTAGE DI FORLI’

Miss Pin Up, il concorso dedicato a tutte le donne formose, plus size, maggiorate e con le curve, è arrivato alla 4° edizione e ogni anno ha decretato le vincitrici morbide più sexy: un titolo per valorizzare la donna dalla taglia 44 alla 50, che ricorda le dive sexy degli anni ’40-’50 come Marilyn Monroe, Betty Page o Jane Russel.

 

sam1.jpg

Quest’anno la finale si svolgerà domenica 23 Settembre, ore 17,00,  alla Fiera Vintage di Forlì. La kermesse sarà presentata da me, promotrice del Pin Up Style in Italia, giornalista, imprenditrice e scrittrice, anche l’ideatrice e madrina del concorso nazionale.

 

La competizione premia ragazze e donne orgogliose delle proprie curve che trasmettono sensualità e passionalità e che sono stanche di adeguarsi a moderni modelli di magrezza.

Il corpo mediterraneo con tutte le sue curve sinuose: questo è il protagonista assoluto di Miss Pin Up” : un concorso per tutte le donne mediterranee che sono fiere delle loro rotondità avvolgenti.

Nessun limite di altezza o misure standardizzate. Non più ragazze belle e finte ma con tanta personalità anche imperfette ma VERE. Donne reali come quelle che incontriamo tutti i giorni, rassicuranti e burrose.

 

Fin dalla prima edizione del 2009, Miss Pin Up ha ottenuto un grande successo, con la seconda il concorso è molto cresciuto, grazie alle numerose nuove iscrizioni e alla terza è diventato un punto di riferimento. Finalmente…

Miss Pin Up 2011 è la Pin Up uscente Samantha Mori, che incoronerà domenica 23 Settembre la nuova Miss Pin Up.

Nome d’arte  Jolie Pois, ha29 anni ed è una maestra d’asilo. Le sue misure?Seno 91, fianchi 92 e vita 73. Una vera Pin Up!

Ha sempre ammirato Marilyn Monroe, Bettie paige e di recente Dita Von Tease, ma la passione vera e propria è nata quando ha indossato il suo psamantha mori miss pin up 2011 (1).gifrimo corpetto e si è sentita sexy da morire.

 

 

Ma torniamo a Miss Pin Up.L’originale concorso di stampo sociale è ideato e organizzato dalla Sessa, esperta ed insegnante anche  di seduzione e femminilità. Si tratta di una competizione che ha l’intentodi  combattere anoressia, bulimia e disturbi alimentari.

 

Miss Pin Up vuole premiare le ragazze e le donne consapevoli della loro fisicità e che sono orgogliose delle proprie curve. Un modello di donna felice, morbido e rotondo che si contrappone a quello anoressico e iper magro proposto oggi dalla società.

La gara si propone di rivalutare una donna con forme da capogiro per riportare lo star system verso un modello di bellezza più sana.

 

Finalmente un innovativo concorso VIETATO ALLE TAGLIE 38-40-42.

 

 

Miss Pin Up è aperto alle ragazze e alle donne dai 18 ai 45 anni. Possono partecipare alla 4° edizione tutte le ragazze che hanno partecipato all’edizione precedente, tranne quelle che hanno vinto i titoli.

 

I requisiti:

 

1)   Essere formose e con le curve

2)   Voglia di farsi ammirare e notare

3)   Credere nel progetto di rivalutazione della donna in carne

4)   Nessuna limitazione di altezza o età

5)   la taglia dalla 44 alla 50

 

samantha mori miss pin up 2011.gif

 

SOTTO LO SCONTO PER ENTRARE. BASTA STAMPARLO PER TUTTE LE VOLTE CHE VOLETE E LO DATE A TUTTI I VOSTRI AMICI.

cI VEDIAMO TUTTI NEL MIO STAND DALLE 16 IN POI…

 

sconto ok.jpg

 

 

APERTA LA NUOVA SARTORIA VINTAGE PIN UP DEL 2000: ABBIGLIAMENTO RETRO’ PER DONNE SEXY

 

mixsarta mail.jpg

 

Ha aperto l’attesissima sartoria vintage, ultima idea gioiello di Simona Sessa, annessa al suo show room di Ancona. La sartoria è già al lavoro per creare abiti personalizzati vintage, Pin Up e Burlesque style, anni ’20-’30-’40 e ’50, teatrali e tutto il necessario per chi vuole farsi notare.

L’idea, ed ultimo approdo professionale della Sessa, è decisamente una novità per le donne curvy e maggiorate che troveranno nella sartoria un team di sarte capaci di creare abiti per sottolineare le curve e le forme di qualsiasi cm.

Stop ad entrare nei negozi, trovare solo vestiti extra small e uscire frustrate perché non esiste nulla dalla 44 in su.

Stop a vestire come sacchi con abiti che nascondono le  forme, sacrificando la femminilità,  perché bisogna “mimetizzarsi”.

E’ una triste realtà il fatto che nel corso degli anni le taglie si sono ristrette. Una taglia 42 di un tempo è la 46 di oggi e così via…

Basta alla moda di oggi che valorizza solo corpi magri ed emaciati relegando le donne curve alla moda plus size che non propone nulla  di sexy.

Simona intende dare una mano a tutte le donne con le forme che desiderano indossare abiti sexy e procaci come le Pin Up degli anni ’50 (che vanno bene anche alla magre!).

 

La sartoria Pin Up del 2000 propone i capi con il brand della Sessa Femmina Pin Up  per donne formose e felici di mostrare il corpo mediterraneo.

Gli slogan? “Gli uomini preferiscono la ..Carne” e “Morbida e Rotonda: così è la donna di oggi.”

I capi, in esclusiva nazionale, 100% stile Vintage e made in Italy, sono ispirati alle Dive, attrici ed alla moda anni ’40 e ’50. Poter indossare i tailleur e gli abiti di Marilyn Monroe, Ava Gardner, Kim Novak, Bette Davis, Rita Hayworth (e tante altre) è il sogno di molte donne mortificate dalla attuale moda, ideata per corpi ultramagri, che ormai non le rappresenta più.

La prima collezione Femmina Pin Up estiva punta su abiti longuette Pin Up, vestiti retrò per esaltare le curve che esaltano i corpi delle donne morbidose.

Per l’inverno: tailleur, cappotti, vestiti per esaltare donne formose, maggiorate e plus size. E non solo: abiti di scena Pin Up e Burlesque, costumi teatrali e retrò. Insomma tutto per vestire come le Dive di un tempo.

Gli abiti totalmente made in Italy, creati con stoffa made in Italy, sono su misura e con tutte le  taglie di un tempo. I capi sono finalmente creati ristabilendo le taglie delle nostre nonne prima di essere ristrette fino a rasentare il ridicolo.

La taglia 42 di anni fa allora sarà marchiata realmente 42 e non 46 come avviene oggi. Ritornano quindi le  taglie reali come quelle degli anni ’40 e ’50 quando Pin Up come Marilyn o Bettie Page erano considerate perfette.

I capi sono disponibili dalla 40 alla 52 e solo su ordinazione la 38-40 e dalla 52 in poi.

Una linea pensata per fisici burrosi e sensuali che mette in rilievo il fascino retrò, l’eleganza e la sensualità d’altri tempi. Ed i tailleur protagonisti con spacchi, spalline quadrate e taglio tipico anni ’40 e ’50, sono il leit motiv della collezione poiché intesi come capi irrinunciabili nel guardaroba della donna di oggi desiderosa di distinguersi per charme e raffinatezza.

macchina-antica.gif“L’idea della sartoria e dei capi che sto proponendo è nata per esaltare la femminilità di tante donne che vogliono giocare con sé stesse e desiderano sentirsi sexy e desiderabili – spiega la Sessa -. Sedurre è un’arte che va appresa ed esercitata ma è importante avere gli abiti e la lingerie giusta, proprio come quelli che propongo. Inoltre siamo tutte stanche di abiti disegnati su donne inesistenti e non creati  a nostra immagine e somiglianza. Abbiamo le curve, perché nasconderle? Perché mortificarle?”.

Simona da anni porta avanti il suo progetto sociale e culturale “Pin Up del 2000” per aiutare le donne a superare anoressia, bulimia e disturbi legati all’alimentazione: “Per fortuna la donna con le curve sta tornando di moda ed il mio lavoro è così facilitato – spiega la Sessa -. E’ pazzesco dover vivere ogni giorno sottotosti a un continuo lavaggio del cervello della moda e dei media che ci vogliono, magre, perfette e plastificate. Noi vogliamo essere esattamente così burrose come siamo”.

E conclude: “Con il mio progetto artistico e culturale di rivalutazione della donna formosa mediterranea sto educando ad un ritorno della femminilità che si è perduta sempre di più in questi anni… Il mio lavoro è faticoso ma ormai siamo sempre più orgogliose e felici delle nostre rotondità. Il mio consiglio? Ritornate a essere.. Femmine.”

I primi capi sono ordinabili nel sito www.womanshop.it

Per info e appuntamenti: sartoria Pin Up del 2000/ cell 333 7499566

 

 

nero.gif