calendario

ANCHE SKY PARLA DEL CALENDARIO PIN UP DEL 2000

copertina-bassa.jpg

Cari amici è con un particolare orgoglio che vi annuncio che oggi siamo sulle pagine del prestigioso portale Sky.it con il calendario Pin Up del 2000, ideato da me e dalla mia associazione culturale Pin Up del 2000, per combattere anoressia e bulimia.

Ecco il link preziosissimo:  http://mag.sky.it/mag/life_style/photogallery/2010/10/13/calendario_pin_up_del_2000.html

E qui il calendario inserito tra i migliori calendari del 2011

http://mag.sky.it/mag/album/speciale_calendari_2011.html

Che gioia e che soddisfazione. Per me, per le ragazze, per i fotografi, hair e make up stylist, per tutto lo staff. La speranza è che si accendano il più possibile i riflettori su questo calendario calendario glamour, ammiccante e di gran gusto.

100% curve naturali, 100% no photoshop (nei ritocchi del corpo), 100% italiano e 100% donna.

Vi ricordo che il calendario che combatte anoressia, bulimia e disturbi alimentari a colpi di curve. Scatti Doc che immortalano dodici belle ragazze  tra esordienti e modelle, un tempo ammalate o insoddisfatte del proprio corpo, ora perfettamente guarite.

Il calendario Pin Up del 2000 è il prezioso frutto di una costante e serrata lotta ai disturbi alimentari operata da me e dalla mia associazione culturale “Pin Up del 2000” che ha ideato un progetto efficace nell’aiutare donne scontente del proprio aspetto fisico e delle proprie rotondità.

Dodici scatti che lanciano un messaggio importante e che hanno aiutato le protagoniste ad amarsi ed accettarsi di più. Una vetrina dove mettere in mostra con orgoglio il proprio fisico formoso e gridare a tutti che “Gli uomini preferiscono la carne”. Le ragazze in pose e look Pin Up, vestono dalla taglia 44 alla 48, e sono state selezionate da me ed inserite nel database dell’associazione proprio per sottolineare che “Le vere donne hanno le Curve!”.

 

mix-tutte.jpg

Il calendario

Pin Up del 2000 combatte quindi l’ideale insano di bellezza filiforme odierno ed i condizionamenti psicologici degli stilisti e dei mass media che sono alla base delle insicurezze e fragilità istillate sapientemente nelle menti delle utenti. Gli scatti dei dodici mesi ripropongono  il mito delle Pin Up come nuova chiave di lettura per corpi felici che esprimono salute e bellezza. Donne che sanno accettare le proprie curve ed una fisicità prorompente che le rende meravigliosamente uniche.

Le protagoniste con i loro nomi da Pin Up sono: Marlene Rouge – Lady Coco – Momo Vain Dean – Betty Fire – Miss Lollo – Lisa M.lle Debonbons – Mousit – Lady Delish – Miss Vivien – Marilyn Bon Bon – Saryn – Jane Butter.  

Tutte sono state immortalate da sei fotografi  emergenti. Professionisti che hanno aderito gratuitamente al progetto “Posa come una Pin Up”  ideato da me per la lotta ai disturbi alimentari.
I nomi: Fudesan, Daniele Mora, Scontrosa velenosa, Pin Up del 2000, Alessandro Olivares ed Elena Strada.

Il calendario è interamente autoprodotto dall’associazione culturale Pin Up del 2000 ed è venduto a prezzo “sociale” per sostenere le nuove iniziative. 

La madrina del calendario è Maethelyiah, artista italo inglese e figlia d’arte, volto noto del gruppo Blooding Mask. Maet ha aderito e sostenuto il progetto Pin Up del 2000 ideato dalla mia associazione.

Make up e Pin Up style: Simona Sessa – Silvia Make Up.

Info nel sito ufficiale dell’associazione Pin Up del 2000 www.pinupdel2000.com

Qui potete guardare e scaricare il calendario:

http://www.pinupdel2000.com/ecco-il-calendario-pin-up-del-2000.html

GRANDE SUCCESSO PER L’EVENTO SOCIALE A ROMA PIN UP DEL 2000

DSC_0032-copy.jpgUna serata per combattere anoressia e bulimia. Un appuntamento per gridare tutti insieme “No alla magrezza come valore assoluto e imprescindibile di bellezza”.

Questo e tanto altro ancora ha rappresentato l’evento andato in scena recentemente all’Ecclesiaste di Roma organizzato da Simona Sessa e dalla sua associazione culturale Pin Up del 2000. www.pinupdel2000.com

Tra i tanti momenti show il 1 raduno italiano delle Pin Up, casting per il Lazio di Miss Pin Up  e presentazione ufficiale del calendario Pin Up del 2000 che ha avuto molto successo. E’ già prevista la prima ristampa dopo un lavoro di attento restyling con l’inserimento di nuove ragazze che presteranno il loro volto e corpo per una battaglia sociale tanto importante.

Tra le ragazze confermate del calendario le bellissime Queen B e Gina Giorgio  mentre volti nuovi come Lisa M.lle Debonbons e altre ragazze formose saranno inserite nell’edizione ufficiale del calendario. Tra le varie ragazze esordienti spicca Lady Delish modella plus size.
Professionista nell’ambito moda/fotografia da 3 anni, vanta numerose collaborazioni all’interno dell’ambito plus size della realtà italiana, prestando la sua immagine come testimonial di alcuni brand. Una professionista tra ragazze esordienti della porta accanto per gridare tutte insieme “No all’anoressia e bulimia”.

Immagine-234.jpg

Il calendario uscirà a Ottobre ed il ricavato contribuirà a finanziare iniziative in difesa delle donne con le curve.

Tornando all’evento di Roma, la serata è stata magistralmente orchestrata dalla regina dello swing Lalla Hop che ha sottolineato con l suo sound i momenti caldi della serata.

 

Immagine-216.jpg

Simona Sessa, padrona di casa (in foto sopra), ha condotto lo show legando i momenti spettacolo di alto livello come le performance canore della nota cantante internazionale Maet dei Blooding Mask in versione Jessica Rabbit e quelli di ispirazione Pin Up. Interviste e salotto con alcune delle protagoniste del calendario e tanti scatti dei fotografi presenti accorsi per l’evento. Tutti “impazziti” per tante curve pericolose..

 

Immagine-220.jpg

Durante la night selezioni di Miss Pin Up per il Lazio e tra le aspiranti una candidata Doc entrata a far parte del database di Pin Up dell’associazione culturale Pin Up del 2000 come Mimì Straw Berry. Tra gli ospiti la performer Burlesque e maestra di questa arte così magica Grace Hall impegnata con la sua scuola di Burlesque a Roma. Festeggiamenti per il compleanno di un altro personaggio storico di Roma: il maestro  Eddy Dance della scuola di swing Ials di Roma.

 E poi tante Pin Up e ragazze giunte da tutta Italia per brindare alla magia di una festa che ha divertito, ironizzato sulla bellezza ma soprattutto posto l’attenzione sulle piaghe dei nostri tempi: anoressia e bulimia.

Perché: Le vere donne hanno le curve. Mangiare è sano, è vita, è donna“.

 

noi.jpg